Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Il Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport ha ricevuto dal Sig. Gianluca Parducci istanza di arbitrato nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio e dell’Associazione Italiana Arbitri. L’istanza ha a oggetto la delibera della Commissione Disciplinare d’Appello AIA n. 23 del 30 novembre 2011 che ha confermato al ricorrente la sanzione a mesi 13 irrogatagli in primo grado per la “violazione di cui all’art. 40 numero 3 lett. a) e lett. c) del Regolamento Associativo e dell’art. 43 n. 5 delle Norma di Funzionamento degli organi tecnici per aver: a) quale Presidente di Sezione ed Organo Tecnico Sezionale diretto ad alcune gare di competenza  dell’Organo Tecnico Sezionale, una nonostante l’avvertimento del 20.10.2010 ricevuto dal Comitato Regionale Arbitri Toscana; b) diretto la gara allievi provinciale Massarosa/V. Poggioletto del 9.11.2010 in sostituzione dell’arbitro designato indisponibile, omettendo artatamente di inserirla nella propria scheda personale di quest’ultimo, così falsificandone il contenuto e consentendogli di riscuotere il relativo rimborso; c) consentito all’Osservatore Arbitrale Centore Maurizio di svolgere le funzioni tecniche in una gara del 10.10.2010, senza la necessaria copertura del certificato medico. Con l’aggravante di cui all’art. 7 lett. a) delle Norme di Disciplina per aver commesso l’infrazione nell’esercizio di una carica associativa.”.