Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un ricorso presentato dal sig. Antonio Mamè (genitore del sig. Andrea Mamè, tesserato con licenza di conduttore ACI, all'epoca dei fatti) contro la Automobili Lamborghini S.p.A. e nei confronti della Procura Federale dell'ACI-Sport, avverso la sentenza rubricata CF2/19, emessa dalla Corte Federale d'Appello ACI-Sport del 22 febbraio 2019, con motivazioni comunicate a mezzo PEC il 6 maggio, con la quale è stato rigettato il reclamo presentato dall'odierno ricorrente ex art. 37 del R.G. ACI, in quanto "il suo interesse agli esiti del giudizio [disciplinare] è di mero fatto e non giustifica la sua partecipazione [al procedimento ex art. 34 R.G.]".

La vicenda trae origine dall'incidente fatale occorso al sig. Andrea Mamè durante la gara delle Serie internazionali del "Lamborghini Blancpain Super Trofeo", svoltasi in Francia il 30 giugno 2013, in seguito alla quale il sig. Antonio Mamè ha presentato un esposto alla Procura Federale ACI-Sport contro la Automobili Lamborghini S.p.A., denunciando che la stessa ebbe a svolgere l'attività di organizzatrice delle suddette gare senza possedere la relativa licenza per il periodo dal 2011 al 2016, nonché, con altro esposto, che la medesima Automobili Lamborghini S.p.A. ebbe a svolgere nello stesso periodo anche l'attività di promoter, senza essere titolare della relativa licenza.

Il sig. Antonio Mamè chiede al Collegio di Garanzia, previa riforma della decisione impugnata, di decidere in tutto o in parte la presente controversia e di affermare la responsabilità disciplinare della licenziata Automobili Lamborghini S.p.A., con conseguente condanna alla sanzione ritenuta di giustizia, dichiarando ammissibile il suo intervento e reclamo, nonché degno di tutela da parte dell'ordinamento sportivo il suo interesse all'instaurazione e celebrazione del presente giudizio disciplinare oppure, in subordine, di rinviare la decisione all'Organo di Giustizia Federale di competenza in diversa composizione.

Archivio Attività Istituzionali

2019

  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2018

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2017

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2016

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2015

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2014

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2013

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2012

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2011

  • DICEMBRE
  • OTTOBRE