Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Carolina in my minds2Un capolavoro di bronzo, che splende d'eleganza ed entra nella storia. L'ottava medaglia dell'Italia a Sochi ha il volto consapevole e le movenze regali di Carolina Kostner. Dall'Ave Maria di Schubert al Bolero di Ravel, da un programma corto pazzesco a un libero autoritario, le tristi diapositive di Vancouver 2010 finiscono in archivio, sotterrate dagli applausi dell'Iceberg Stadium, da quella rivincita accarezzata a lungo nei giorni difficili e consumata in una notte indimenticabile. Finalmente Carolina vola sul podio olimpico: la sua medaglia è la seconda nella storia del pattinaggio di figura italiano (la prima individuale e per questo storica) dopo quella conquistata nel 2002, a Salt Lake City, da Barbara Fusar Poli e Maurizio Margaglio. La Kostner corona una carriera da protagonista proprio con quel podio che le mancava nella manifestazione più attesa, dopo i numerosi titoli europei e la vittoria del Mondiale nel 2012. Stasera a Sochi l'hanno preceduta solo la russa Adelina Sotnikova (oro) e la campionessa olimpica uscente, la sudcoreana Yu-Na Kim (argento). Brava Carolina, hai fatto un capolavoro!