Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

italvolley20172L'Italvolley vince ancora e con il terzo successo consecutivo arrivato per 3-1 a spese della Francia, la squadra azzurra continua la sua corsa verso il podio della Grand Champions Cup in corso in Giappone. Grazie al successo sugli USA il Brasile ha posto una grossa ipoteca sulla medaglia d’oro, ma i ragazzi del CT Gianlorenzo Blengini che scenderanno in campo domani (alle 4.40 della prossima notte italiana) proprio contro gli statunitensi tengono ancora aperta l’ipotesi di arrivare alla vittoria finale nella competizione. Battendo gli Stati Uniti, infatti, l’Italia si garantirebbe comunque l’argento e poi dovrebbe aspettare l’esito di Giappone-Brasile per sapere il suo piazzamento finale.


Contro la Francia, primo set a parte, si è vista ancora un’ottima Italia. Ben disposta in difesa dove ha brillato Colaci, eccellente in ricezione, perentoria in attacco dove ancora una volta si è esaltato Vettori (24 punti per lui che lo hanno lanciato al comando della classifica dei Best scorer), ben affiancato da Antonov e Lanza, ma anche dai due centrali Mazzone e Piano.  Il tutto orchestrato da Simone Giannelli. Una bella affermazione, importante e meritata.
Gianlorenzo Blengini ha riproposto la solita Italia, rinunciando come era già accaduto nella seconda parte del match con il Giappone a Balaso come libero di difesa. Al contrario Laurent Tillie ha cambiato molto il suo sestetto, tenendo in pratica solo Clevenot e Chinenyeze tra i titolari.


Il primo set è stato molto equilibrato sino a quando la Francia ha trovato il break sul 18-16. L’Italia ha reagito bene e si è portata sul 21-19 prima di incappare in alcuni errori che hanno permesso ai transalpini di ritrovare il morale per arrivare al 25-21. In questa prima fase gli azzurri sono stati poco presenti a muro ed hanno commesso molti errori durante le fasi di gioco.


Nel secondo la squadra di Blengini è andata in svantaggio ancora 0-3 (era già accaduto nel primo), ma poi si è svegliata dal suo torpore. Il muro ha iniziato a fare il suo dovere, Colaci in difesa si è esaltato con interventi spettacolari. Gli Azzurri di slancio vanno sul 9-5 ed in pratica indirizzano un set che si conclude 25-20.
Nel terzo set cala il ritmo del match, ma le due squadre continuano a battagliare in campo. Gli azzurri guadagnano tre lunghezze di vantaggio 11-8, poi si fanno rimontare. Nel frattempo il muro italiano è diventato più solido. La Francia con pazienza ha ricucito lo strappo e si è portata in vantaggio 19-17, ma una buona serie di battute di Lanza ha riportato l’Italia avanti. Vettori ha continuato a martellare in attacco ed al servizio e così è arrivato il 25-22 su un muro di Giannelli.


Lanza e compagni nella prima metà del quarto parziale fanno vedere grandi colpi, ma quando sembrano avere la gara in mano, sul più cinque subiscono la rimonta transalpina. Che si completa sul 13-13 pari.
Equilibrio che dura pochissimo, perché un bel turno al servizio di Daniele Mazzone (due aces consecutivi) rilancia i ragazzi di Blengini, che non si distraggono più e arrivano al successo, chiudendo il parziale 25-21 ed il match 3-1.


ITALIA-FRANCIA 3-1 (21-25 25-20 25-22 25-21)


ITALIA: Giannelli 4, Lanza 14, Piano 7, Vettori 24, Antonov 14, Mazzone 10. Colaci (L), Spirito. Non entrati: Buti, Ricci, Randazzo, Botto, Sabbi, Balaso (L).. All. Blengini.
FRANCIA: Brizard 3, Rossard 7, Chinenyeze 11, Patry 21, Clevenot 11, Bultor 8, Tillie K.(L), Lyneel 4, Boyer 3, Toniutti. Non entrati: Grebennikov, Le Goff, All. Tillie L.
ARBITRI: Simonovic (Srb) e Cespedes (Dom).
Spettatori: 5800. Durata set: 35, 26, 31, 26.
Italia: bs 10, a 6, m 11, er 12.
Francia: bs 11, a 5, m 10, er 11.

Archivio Primo piano

2017

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2016

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2015

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2014

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2013

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2012

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2011

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2010

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2009

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2008

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2007

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO
  • GENNAIO

2006

  • DICEMBRE
  • NOVEMBRE
  • OTTOBRE
  • SETTEMBRE
  • AGOSTO
  • LUGLIO
  • GIUGNO
  • MAGGIO
  • APRILE
  • MARZO
  • FEBBRAIO