Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Innsbruck 1976

XII edizione delle Olimpiadi invernali

Un caso unico nella storia dei Giochi fu la rinuncia di Denver, la città del Colorado cui il CIO aveva affidato l'Olimpiade bianca del 1976. Un referendum popolare, indetto nel novembre 1972, si pronunciò contro l'organizzazione dei Giochi. Il CIO si trovò quindi costretto a ripiegare ancora su Innsbruck. L'eroina fu la tedesca federale Rosi Mittermaier, capelli rossi e tanta grinta: vinse dapprima la discesa e tre giorni dopo lo slalom (precedendo per soli 33/100 Claudia Giordani), mentre nel gigante un errore la relegò al secondo posto. Gli azzurri fecero le loro cose migliori nello sci alpino. Erano quelli gli anni della "valanga azzurra": nello slalom Pierino Gros e Gustav Thoeni ottennero la più famosa doppietta azzurra agli Invernali. La medaglia d'argento nello slalom della romana Claudia Giordani, figlia del telecronista di basket Aldo, costituì il fiore all'occhiello dello sci femminile italiano.

Le medaglie azzurre di Innsbruck 1976

Oro
Sci Alpino slalom
Argento
Sci Alpino slalom
Argento
Sci Alpino slalom donne
Bronzo
Sci Alpino discesa libera