Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Organi di Giustizia Federalia cura di Maria Letizia Bixio, Matilde Ratti

 

Titolo

Tesseramento di atleti stranieri

 

Indicazione estremi del provvedimento annotato

Decisione del Tribunale Federale FIP (Comunicato Ufficiale FIP n. 1116, Tribunale Federale n. 80 del 5.5.2017)

Massima

La regolarità della permanenza sul territorio nazionale di atleti  extracomunitari non può automaticamente determinare la regolarità del tesseramento e la conseguente effettiva possibilità per gli stessi giocatori di scendere in campo. La normativa federale, infatti, richiede che, al momento del tesseramento, gli atleti con cittadinanza extracomunitaria siano in possesso di un valido permesso di soggiorno per l’intera stagione sportiva.

Keywords

Tesseramento, atleti extracomunitari, permesso di soggiorno

Commento

 

Tutti gli atleti con cittadinanza extracomunitaria devono essere in possesso di un valido permesso di soggiorno ed è responsabilità del presidente della società, o comunque del legale rappresentante, accertare che l’atleta con cittadinanza extracomunitaria abbia un valido permesso di soggiorno per l’intera stagione sportiva. Questo il testo dell’art. 1 comma 9 del Regolamento Esecutivo Tesseramenti FIP che richiede, quindi, al fine di dar corso alla procedura di tesseramento, che l’iter per l’ottenimento del permesso di soggiorno sia giunto a termine, non essendo sufficiente che l’atleta, al momento della richiesta di tesseramento, sia legittimato a permanere sul territorio italiano (per esempio per mezzo di un visto) né che il procedimento per il rilascio del permesso di soggiorno sia in corso al momento della richiesta di tesseramento. La  normativa federale pone un ulteriore requisito in ordine alla durata del permesso di soggiorno, che deve essere valido per l’intera stagione sportiva, con la conseguenza che, in presenza di un permesso di soggiorno che non copra l’intera stagione, dovrebbe ugualmente negarsi il tesseramento dell’atleta.

Autore

Cristiano Novazio, Avvocato in Milano, Componente del Comitato di Coordinamento e Docente del Master di I° Livello in Diritto Sportivo e Rapporti di Lavoro nello Sport presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca

 

Scarica qui il testo del provvedimento in PDF