Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

TAS/CASa cura di Maria Letizia Bixio, Matilde Ratti

Il caso in oggetto riguarda gli incidenti occorsi durante una partita di qualificazione per il Campionato europeo del 2016, tenutasi a Belgrado il 14 Ottobre del 2014 tra le nazionali di Serbia ed Albania.


Il Tribunale Arbitrale dello Sport respinge l’appello della Nazionale serba contro la decisione della Corte d’appello UEFA, che ha sanzionato la squadra con una deduzione di tre punti nel turno di qualificazione del campionato europeo UEFA , due partite in casa a porte chiuse ed una multa di 100.000 euro. Il Collegio ribadisce che, sebbene abbia la competenza di riesaminare gli aspetti fattuali e legali inerenti il caso, può rimodulare le sanzioni inferte dagli organi di disciplina solo qualora esse siano evidentemente e gravemente sproporzionate rispetto all’offesa, condizione che, nel caso di specie, non rinviene.

 

Scarica il PDF

Scarica il PDF