Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

trofeo Coni 2019 basilicata finale

palazzoh interna 74Il 206° Consiglio Nazionale del CONI presieduto da Giovanni Petrucci si è riunito questa mattina alle ore 9.00, a Roma per discutere il seguente ordine del giorno:   
1) Approvazione verbale riunione del 9 novembre 2007: il verbale è stato approvato all'unanimità.  

2) Comunicazioni del Presidente: il Presidente Il Presidente Giovanni Petrucci ha aperto il suo intervento ricordando i brillanti risultati conseguiti dagli atleti azzurri nelle maggiori competizioni internazionali tra cui la vittoria – e la qualificazione olimpica – nella Coppa del Mondo della squadra femminile di pallavolo, le brillanti prestazioni nello sci alpino, negli sport del ghiaccio, nel nuoto, nei pesi, nel calcio con la brillante qualificazione della Nazionale ai prossimi Campionati Europei. Positivo finora il bilancio in prospettiva olimpica: il numero di qualificazioni per Pechino è salito a 158. Petrucci ha ricordato poi la definitiva conversione in legge da parte del Parlamento del decreto legge collegato alla Finanziaria 2008, nel cui ambito, oltre alle norme riguardanti la soppressione della Sportass, è stato previsto il ripristino dei 12 milioni di euro in favore del CONI mentre è rimasto inalterato il finanziamento complessivo di 450 milioni di euro stabilito dalle legge finanziaria 2005. Sempre sul fronte legislativo è stato salutato con favore il riconoscimento fatto alle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal CONI che possono essere destinatarie del 5 per mille dell’IRPEF, per gli anni 2006 e 2007 con la possibilità, ancora non definitiva, che l’estensione valga anche per i prossimi anni. Viva preoccupazione ha invece espresso il Presidente in merito ai contenuti dell’emendamento n. 125.15, primo firmatario on. Milana, per la messa in liquidazione della Società CONI Servizi Spa, presentato presso la Commissione Bilancio della Camera. La stessa preoccupazione era già stata rappresentata alla Ministro Melandri nei recenti colloqui. Il presidente dopo aver ribadito il proprio favore per il ritorno al CONI del passato, per legami storici e sentimentali, ha ricordato che questa eventualità deve essere accompagnata dalla necessità contestuale di quell’autonomia finanziaria che il CONI stesso ha avuto per tanti anni. Al Ministro il presidente ha avuto modo di esporre gli indubbi benefici dalla costituzione della società CONI Servizi Spa, sottolineando i problemi che sarebbero derivati dalla sua soppressione, sostenendo fermamente che, se il Governo si fosse orientato verso la soppressione della società, si rendeva indispensabile un contestuale ripristino dell’automatismo di finanziamento per garantire programmazione e sviluppo delle attività istituzionali dell’Ente, automatismo che però nell’emendamento non figura. Per Petrucci si determinerebbero danni certi, immediati e di rilevante gravità, dall’approvazione di questo emendamento, senza peraltro alcuna compensazione relativa all’istituzione di quel meccanismo automatico di finanziamento che fu auspicato dallo stesso Presidente della Repubblica. Nel rispetto delle decisioni del Parlamento, il presidente ha precisato lo stato della trattativa per il rinnovo del Contratto di lavoro del personale impiegatizio, di imminente conclusione, che sarà applicato anche dalle Federazioni Sportive Nazionali ed ha invitato, riguardo al passaggio del personale di CONI Servizi alle dipendenze delle Federazioni, Presidenti e Segretari Generali perchè si adoperino con parole e atteggiamenti a favorire quelle condizioni massima tutela e serenità nei dipendenti affinché l’adesione a questa iniziativa avvenga senza traumi e con le  migliori garanzie contrattuali e di legge. Il presidente si è soffermato poi su alcuni recenti avvenimenti che riguardano i Giochi Olimpici di Pechino 2008: la nuova divisa olimpica per la squadra italiana presentata a Milano dalla Freddy, l’individuazione della location e gli adempimenti preliminari per Casa Italia a Pechino. E’ stato ricordato l’esito positivo della riunione del 20 novembre tra il Presidente del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo (CIJM) Addadi, alcuni membri dell’Esecutivo e il Comitato Organizzatore di Pescara 2009 che ha provveduto fugare le ultime incertezze adempiendo alle incombenze che riguardavano in particolare la struttura operativa. Petrucci ha auspicato quindi che venga superato quel clima di conflittualità all’interno del Comitato finora causa di una sostanziale paralisi organizzativa. Dopo i continui appelli del Presidente per promuovere e salvaguardare i vivai nazionali a tutela del patrimonio sportivo nazionale e della sua identità, e la specifica direttiva inoltrata alle Federazioni, in particolare per gli sport di squadra, con la recente introduzione nel Trattato dell’Unione Europea del principio di specificità dello sport, tali obiettivi sono più facilmente perseguibili. Petrucci ha infatti sottolineato come le Federazioni Internazionali di diverse discipline sportive, tra cui calcio e pallavolo, si stiano muovendo decisamente in tale direzione mentre in Italia il rugby e la pallanuoto hanno avviato specifici progetti per tutelare i vivai nazionali. L’auspicio espresso riguarda la pallacanestro affinché si muova con decisione sulla strada di un effettivo contenimento del ricorso agli atleti stranieri, invertendo un trend che ha raggiunto ormai livelli allarmanti per il futuro stesso di questa disciplina. Il Presidente ha ricordato la direttiva presa ieri dalla Giunta Nazionale per impedire il fenomeno delle scommesse da parte di atleti e tesserati sulle discipline di appartenenza e l’iniziativa della RAI, attraverso il vice-direttore generale Giancarlo Leone, per giungere presto ad un incontro dopo l’appello per una equa programmazione televisiva lanciato nella riunione precedente del Consiglio Nazionale. Infine è stato annunciato il calendario degli eventi del 20 dicembre: al Salone d’Onore in mattinata si terrà il Convegno sui Cento anni del primo Comitato Olimpico Italiano provvisorio (1907–2007), la Cerimonia di Premiazione dei Concorsi Letterari e Giornalistici del CONI cui seguirà il tradizionale Pranzo di Natale alla Palazzina Bonifati dello Stadio Olimpico. Nel pomeriggio, nella Chiesa di Santa Maria in Vallicella, alle ore 18,00, avrà luogo la SS. Messa degli Sportivi, officiata dal Segretario di Stato del Vaticano, Cardinale Tarcisio Bertone. 
Al termine della relazione del Presidente e prima di aprire la discussione, si è proceduto alla consegna delle stelle d’oro al merito sportivo per alcuni componenti del Consiglio Nazionale che non avevano ancora ottenuto tale riconoscimento: stella d’oro per Giancarlo Abete (Calcio), Giovanni Morzenti (Sport Invernali), Ferruccio Galvagno (Danza Sportiva), Siro Zanella (Squash), Ermano Morelli (CONI Abruzzo). Inoltre sono state consegnate due stelle d’oro, assegnate “motu proprio” dalla Giunta Nazionale, ai dirigenti Ugo Ristori e Antonio De Juliis. Sulla relazione del Presidente si è quindi aperta una discussione nella quale sono intervenuti nell’ordine Aracu (Hockey e Pattinaggio) che si è soffermato sui nuovi criteri per i contributi alle Federazioni, e Rizzoli (Bocce) che ha espresso critiche sull’emendamento presentato dall’on. Milana per la soppressione della Coni Servizi. Petrucci ha replicato manifestando rispetto per i parlamentari che hanno presentato l’emendamento ma con la certezza che solo il finanziamento automatico al CONI potrà risolvere la questione. Successivamente sono intervenuti Di Rocco (Ciclismo) che ha espresso preoccupazione per le soluzioni che si adotteranno per l’eredità della Sportass, Abete (Calcio) che ha espresso condivisione nel merito e nel metodo per la posizione manifestata su Coni Servizi, la cui soppressione non sarebbe funzionale allo sport italiano. 

3) Attività F.S.N. – D.S.A – E.P.S.: il Segretario Generale Pagnozzi ha illustrato la delibera sul limite annuale di ingresso degli atleti stranieri non appartenenti alla Comunità con la relativa ripartizione degli ingressi (nel numero di 1526, due in meno dell’anno precedente) e definizione dei criteri generali di assegnazione e tesseramento. La delibera è approvata all’unanimità. Il Consiglio ha approvato all’unanimità la delibera di autorizzare l’iscrizione delle sezioni di Tiro a Segno Nazionale nel Registro Nazionale delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche in base all’art. 90 della Legge 289/2002 e successive modificazioni.   

4) Affari Amministrativi e Bilancio CONI: il Segretario Generale ha illustrato il bilancio preventivo del CONI per il 2008 che presenta un contributo annuo dello Stato per 450 milioni di euro. Tra le principali voci di bilancio un incremento rispetto al 2007 di 7 milioni di euro per i costi relativi alla spedizione a Pechino per i Giochi Olimpici Estivi, compreso le previsioni di spesa per i premi per le medaglie. Il contratto di servizi con Coni Servizi sarà di 174 milioni di euro, leggermente inferiore alla previsione del 2007 ma di poco superiore al consuntivo 2007 (che è di 172,5). 
Sul bilancio sono intervenuti Miglietta (Badminton), Fossati (Enti di Promozione Sportiva), Rossi (Tiro a Volo), Rizzoli (Bocce), Salines (Enti di Promozione Sportiva) e Squitieri (Presidente Collegio Sindacale). La delibera sul bilancio preventivo 2008 è stata approvata all’unanimità. 

5) Varie:  Non avendo null’altro da deliberare il Consiglio Nazionale ha concluso i suoi lavori alle 10.40.