Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

trofeo coni 2018 01

stadio_olimpico_interna_872a9a.jpgLa UEFA presenterà il nuovo logo per la finale 2009 della Champions League, durante una speciale cerimonia che si terrà il 24 ottobre 2008 a Roma, la città che ospiterà allo stadio Olimpico l’ultimo atto della prestigiosa competizione. La cerimonia sarà suddivisa in due parti: in mattinata, la presentazione del logo durante una conferenza stampa che si terrà nella Sala del Consiglio (conosciuta come Sala Giulio Cesare) del Palazzo Senatorio in Campidoglio alle 11.30. L’accesso alla sala della conferenza stampa avverrà attraverso l’ingresso Sisto IV (lato la Lupa). Nel pomeriggio è previsto uno spettacolo nella zona del Colosseo, davanti all’Arco di Costantino, alle 18.30. Il logo di Roma 2009 sarà mostrato alla città e a tutti i romani attraverso un sistema di proiezione. Il nuovo logo della Champions sarà lanciato nella conferenza stampa alla quale prenderanno parte il Segretario Generale del CONI, Raffaele Pagnozzi, il Sindaco di Roma Giovanni Alemanno, il Presidente della FIGC Giancarlo Abete, il vice Presidente e responsabile del progetto Demetrio Albertini, l’”ambasciatore” per la finale di Roma Bruno Conti, il Direttore Uefa delle Competizioni Internazionali per club Giorgio Marchetti. Moderatore sarà Alessandro Cochi, consigliere delegato per lo sport del Comune di Roma. La finale della UEFA Champions League ha, negli ultimi anni, ricevuto un’identità propria con un logo dedicato alla manifestazione, per promuovere al meglio uno degli eventi sportivi più importanti del mondo. L’idea iniziale che ha ispirato la creazione di una nuova identità per ciascuna finale era di sviluppare un design specifico con il sapore distintivo della città ospitante.