Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

trofeo Coni 2019 basilicata finale

Gioco_Interna.jpgE’ in linea sul web del CONI (http://emeroteca.coni.it) la Biblioteca digitale dello Sport. Curata dal servizio Biblioteca Sportiva Nazionale della Scuola dello Sport del CONI in collaborazione con CONINET è la più ampia rassegna di pubblicazioni e periodici storici e contemporanei consultabile in formato elettronico. Il progetto che ha preso il via dalla digitalizzazione di alcuni periodici sportivi nazionali assicurane la conservazione. Nella pagina del web CONI (http://emeroteca.coni.it) possono essere consultati: “La Ginnastica, rivista di educazione fisica”, la più antica rivista di sport offre le raccolte 1868 e 1869, “Il Ginnasta” edizione 1907, ancora oggi rivista ufficiale della Federazione Ginnastica d’Italia, “La Gazzetta del Ciclista” (1894), l’Annuario Sportivo della Gazzetta dello Sport (1906-1907) il quotidiano sportivo Il Littoriale, (dal 1928 al 1944). L’accesso, estremamente semplice, avviene attraverso il menu di selezione per testata, anno, mese e giorno, oppure con la ricerca avanzata tramite parola chiave. Integrano la Biblioteca Digitale i collegamenti a banche dati e articoli di riviste scientifiche internazionali di settore. Sempre dallo stesso indirizzo si può entrare nello spazio dedicato alla Biblioteca Sportiva Nazionale per consultare, nel Catalogo del servizio Bibliotecario Nazionale OPAC – SBN del Comune di Roma, gli oltre 18.000 titoli di pubblicazioni catalogate. La Biblioteca Nazione dello Sport del CONI, fondata nel 1940, possiede oggi la più ampia ed esaustiva raccolta italiana di sport e di educazione fisica con circa 35.000 opere, tra cui un fondo antico con volumi a partire dal 1490 (Scriptores historiae augustae) e 1496 (Scriptores rei militaris) fino ai primi anni dell’800. Nel corso l’archivio si espanderà a nuovi titoli e pubblicazioni.