Beach Soccer | La Svizzera batte l'Italia nella prima delle due amichevoli al CPO

images/cpo/news/Campo_BeachSoccer_CPO.jpg

Gli Azzurri, con un gruppo rinnovato, escono sconfitti per 5-2. Il Ct: “Abbiamo voluto questo genere di gare per testare il valore e la crescita dei ragazzi”.

 

L’Italia del beach soccer esce sconfitta dalla prima amichevole di Tirrenia (5-3 il risultato finale) contro una potenza mondiale di questa disciplina come la Svizzera, arrivata terza all’ultima manifestazione iridata. Da qui, dalla nuova arena del Centro di Preparazione Olimpica, come aveva già preannunciato il Ct Del Duca alla vigilia, parte il nuovo corso della Nazionale azzurra, con un gruppo giovane, rinnovato e con alcuni ragazzi che ancora devono perfino esordire in Serie A. Una squadra che comunque, usando le stesse parole pronunciate dal commissario tecnico al termine del confronto, “nonostante il ko ha lasciato delle buone indicazioni: ho visto – ha proseguito Del Duca – delle giocate di qualità. È nei dettagli che dobbiamo migliorare: in campo si è vista una differenza soprattutto di condizione e di esperienza. Abbiamo preso 3 gol su dei falli fatti evitabilissimi. Sotto questo aspetto dobbiamo crescere. Dobbiamo capire che questo non è calcio: i falli che si fanno qui sono decisivi e infatti hanno determinato la gara. Ma la crescita può avvenire solo con il tempo e con le partite di livello internazionale, come queste”.

Domani mattina, sempre al CPO di Tirrenia, la seconda amichevole tra Italia e Svizzera: “Domani – ha sottolineato Del Duca - cercheremo di fare ancora meglio. Queste partite, contro avversari di questo calibro, le abbiamo volute apposta per testare il valore e la crescita di questi ragazzi”

La partita. L’equilibrio dell’avvio di gara viene rotto dopo quattro minuti dal fischio iniziale, quando Borer batte Casapieri sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La reazione azzurra non si fa attendere e produce un palo con Miceli. Il pareggio dell’Italia è soltanto rimandato di qualche minuto: al 10’ Gentilin prova la conclusione dalla grande distanza e una deviazione della difesa elvetica mette fuori causa Eliott per l’1-1 con cui si conclude anche il primo tempo.

La seconda frazione si apre così come si erano chiusi i 12 minuti iniziali, con la stella Borer a portare avanti i suoi, questa volta infilando imparabilmente Paterniti su tiro diretto. Passa solo qualche secondo e l’Italia pareggia nuovamente (2-2), questa volta con Gori. È un alternarsi di emozioni e occasioni che riparte ancora avanti gli ospiti, questa volta con Stankovic, abile a sfruttare un altro calcio piazzato.

Proprio quando gli Azzurri sembrano poter riprendere ancora una volta la gara, a cavallo tra il secondo e il terzo tempo, Glenn Hodel di testa punisce Casapieri e regala per la prima volta nel confronto il doppio vantaggio ai suoi. Divario tra le due squadre che si allarga a tre lunghezze appena qualche secondo dopo, questa volta con la firma di Tchatat (2-5). Capitan Gori prova a spronare i suoi e una sua acrobazia, al 5’, riporta a -2 gli Azzurri. Nel finale di gara però la Svizzera riesce a contenere gli attacchi dei ragazzi di Del Duca e porta a casa il successo. Domani mattina, sempre al CPO di Tirrenia, alle 10,30, si replica per la seconda amichevole di questo fine settimana.