Grenoble 1968

X edizione delle Olimpiadi invernali

I Giochi di Grenoble furono all'insegna della "grandeur": i transalpini vi impegnarono più di 500 milioni di franchi del tempo. E l'eroe fu proprio un francese, Jean-Claude Killy, che ottenne il secondo grande slam della storia olimpica: parigino di nascita ma cresciuto in Val d'Isère, "Toutoune" Killy vinse infatti nell'ordine discesa, gigante e speciale. Grenoble anche agli azzurri 4 medaglie d'oro, il più ampio successo azzurro fino a quel momento. Franco Nones, vincendo nella valle di Autrans i 30 km, divenne il primo atleta mediterraneo ad imporsi in una prova olimpica di fondo. Ma le vittorie forse più belle per l'Italia, all'Alpe d'Huez, furono quelle di Eugenio Monti in coppia con Luciano De Paolis nel bob a due e assieme a De Paolis, Roberto Zandonella e Mario Armano nel bob a quattro. Il "rosso volante", tra il 1957 e il 1966, vinse 6 medaglie olimpiche (2 d'oro, 2 d'argento e 2 di bronzo) e 11 mondiali (10 d'oro e 1 d'argento). Erika Lechner nello slittino monoposto, sola contro cinque atlete delle due Germanie, conquistò all'Italia la prima medaglia d'oro femminile dei Giochi Invernali.

Statistiche totali

Nazioni partecipanti 37

Atleti partecipanti 1158
(211 Donne)

Italiani partecipanti 52
(8 Donne)

Medaglie Azzurre

4

0

0

Le medaglie azzurre di Grenoble 1968

Oro
Slittino singolo donne
Oro
Sci di fondo 30 Km