Vancouver 2010

XXI edizione delle Olimpiadi invernali

Vai al sito di Vancouver 2010

Il Canada ha l’onere e l’onore di ospitare per la terza volta i Giochi Olimpici dopo Montreal 1976 (estive) e Calgary 1988 (invernali).
Stavolta tocca a Vancouver ed è un Olimpiade particolare perché Vancouver è sul mare anche se alle sue spalle si ergono le Montagne Rocciose.

 

Le Olimpiadi vennero assegnate nel 2003 e Vancouver la spuntò solo alla seconda votazione sulla candidatura coreana di Pyeong Chang (56 voti contro 53).
Il logo rappresenta un inukshuk , figura formata da sassi usata come pietra miliare dalle popolazioni del Canada artico. Le Olimpiadi furono segnate dalla tragica morte dello slittinista georgiano Nodar Kumaritashvili deceduto durante le prove a poche ore dalla cerimonia inaugurale.

 

Le gare nelle località scelte per le prove alpine e di freestyle furono contrassegnate dalla carenza di neve frutto delle correnti calde del Nino.
La cerimonia di apertura svoltasi al BC Place Stadium verrà diretta da David Atkins e vedrà sfilare i rappresentanti di 82 paesi due in più rispetto a Torino 2006.
Protagonisti di quella edizione il biatleta norvegese Ole Einar Bjorndalen che porta a 11 medaglie il suo bottino olimpico di sempre , secondo solo al suo connazionale Bjorn Daehlie (12) e il nostro Armin Zoggeler alla sua quinta medaglia in cinque diverse edizioni olimpiche.

 

Trionfo canadese nell’hockey sul ghiaccio sia maschile che femminile alle spalle di Stati Uniti e Finlandia. Gli azzurri chiudono questa edizione con l’oro di Giuliano Razzoli nello slalom speciale che riscatta una Olimpiade piuttosto avara di soddisfazioni.

 

Gli italiani nei primi otto alle Olimpiadi di Vancouver 2010

 

 

Statistiche totali

Nazioni partecipanti 82

Atleti partecipanti 2566
(1044 donne)

Italiani partecipanti 110
(40 donne)

Medaglie Azzurre

1

1

3

Le medaglie azzurre di Vancouver 2010

Bronzo
short track 500 m
Argento
Sci di fondo 15 Km TL
Bronzo
Combinata nordica
Oro
Sci Alpino slalom
Bronzo
Slittino singolo