Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

mele1Ancora una medaglia d’oro dal fioretto. La squadra italiana femminile ha superato in finale la Russia per 45-31 confermando la superiorità della scuola italiana in questa arma già evidente dopo il podio tutto italiano nella gara individuale.

Valentina Vezzali, Arianna Errigo, Elisa Di Francisca e Ilaria Salvatori hanno dominato la finale olimpica. La Russia con Inna Deriglazova, Kamilla Gafurzianova, Tatiana Logunova, Aida Shanaeva non è riuscitra ad impensierire mai la squadra azzurra.

Parte subito bene il terzetto italianocon Valentina Vezzali al primo assalto (5-2) Arianna Errigo che incrementa il vantaggio (10-5) e Elisa Di Francisca che lo porta a (15-6). Le russe appaiono smarrite incapaci di reagire alla capacità tecnica delle italiane. Così la superiorità del dream team del fioretto diventa travolgente. Vezzali completa il nuovo giro di incontri portandosi 25-11.C’è spazio anche per l’ingresso di Ilaria Salvatori che contribuisce a mantenere alto il bottino azzurro (35-21). Poi c'è solo il cronometro che gira e l'ultima stoccata, con l'esultanza finale.

L’Italia del fioretto femminile spodesta dal trono olimpico la Russia, che vinse l’oro a Pechino 2008, torna sul primo gradino del podio per la quarta volta (1992;1996,2000).

 

"E' un oro che vale tanto, è uno spot non solo al nostro sport ma a tutto il Paese" lo dichiarato il Presidente del CONI Giovanni Petrucci commentando l'oro del fioretto femminile a squadre.

"Questa e' una squadra straordinaria, - ha proseguito Petrucci - guidata da un allenatore straordinario che ha lavorato bene assieme a tutta la Federazione. Voglio dare grande merito al presidente Giorgio Scarso, l'altro giorno ha sofferto per qualche mancato risultato, ma il Coni gli è e gli sarà molto grato. L'Italia deve adottare queste ragazze, non se ne trovano facilmente come loro".

 

Vai alla Galleria Fotografica