By continuing to use this site, you agree to the use of cookies.

You can find out more by following this link. Learn more

I understand

lodde2019Con una prestazione che ha rasentato la perfezione Luigi Lodde ha conquistato la quarta ed ultima prova di Coppa del Mondo di Skeet della stagione disputata a Lahti, in Finlandia.


Il sardo di Ozieri, portacolori dell’Esercito Italiano e bicampione Europeo nel 2014 a Sarlospustza (Ungheria) e nel 2015 a Maribor (Slovenia), si è meritato l’accesso in finale polverizzando tutti i 125 piattelli delle cinque serie di qualificazione ed eguagliando il record del Mondo siglato per la prima volta dall’azzurro Valerio Luchini nel 2014 a Pechino.


Il tiratore italiano ha affrontato la serie decisiva con la consueta carica e mantenendosi in vetta alla classifica fino al cinquantesimo lancio, pari merito con il francese Eric Delaunay. Due errori nell’ultima rotazione hanno rischiato di fargli sfuggire il successo, ma anche il francese allenato dall’italiano Sandro Bellini, si è disunito lasciandosi sfuggire due piattelli. Al termine dei sessanta lanci regolamentari i due avversari si sono ritrovati sull’identico punteggio di 55/60 e solo lo spareggio ha decretato la vittoria dell’azzurro con +4 a +3. Sul terzo gradino l’egiziano Azmy Mehelba, anche lui allenato da un italiano, Diego Gasperini. 


“Non ho parole, è stata una gara fantastica, preparata in tutto e per tutto ed in cui tutto ha funzionato per come lo avevo pensato, però non posso nascondere che è stata davvero dura – ha dichiarato Lodde al termine della premiazione - Dopo un po’ di tempo sono tornato ad un risultato grandissimo come il record del mondo che si commenta da solo. Il mio ringraziamento più grande va alla mia compagna Maria, che mi sopporta e supporta anche negli allenamenti rinunciando ai suoi momenti liberi dal lavoro. Doveroso anche il grazie che rivolgo a tutta la squadra, sono stati fantastici, di supporto e professionali, ad Andrea (il Direttore Tecnico Benelli, ndr) che non si discute, agli Sponsor ed all’Esercito Italiano che, malgrado le difficoltà degli ultimi anni, hanno continuato a credere in me. Infine dedico questo oro alla Federazione ed ai miei colleghi del Trap, in difficoltà in questo momento per il tardare della qualificazione olimpica. Spero davvero che gli porti fortuna e che presto riescano a conquistare quello che si meritano”.

 

“Quella di Luigi la posso definire una gara eccezionale, affrontata al meglio malgrado condizioni atmosferiche proibitive e piattelli difficili – ha sottolineato il DT Benelli – Qualificarsi con il record del mondo è impegnativo, sia fisicamente sia mentalmente, ma lui è riuscito a reggere lo stress ed ha portato a casa anche una grande finale. Davvero fortissimo, sono molto orgoglioso della sua gara, di lui. E’ un ragazzo in gamba, un professionista che da tanti anni dimostra la sua serietà. Ci tengo a ringraziare la Federazione che ci sostiene sempre permettendoci di arrivare a questi grandi risultati”.

 

Il prossimo appuntamento internazionale porterà i migliori tiratori del Vecchio Continente di nuovo a Lonato del Garda, quest’anno già sede del Mondiale, per il Campionato Europeo in programma dal 3 al 17 settembre.