Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

L’Ufficio Procura Antidoping ha disposto i seguenti deferimenti, alla Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, per:

l’atleta Veronica Pennavaria (tesserata FIDAL) per non essersi sottoposta al controllo antidoping disposto dalla Commissione Ministeriale ex lege 376/2000 (artt. 2.3. e 2.5. delle NSA) al termine della gara “5° Memorial Sebastiano Romano – 7^ Prova del 9° Gran Prix Provinciale di Corsa” svoltasi a Siracusa il 6 luglio 2014 con richiesta di squalifica per 2 anni;

l’atleta Luca Pirini (tesserato FCI) per il riconoscimento della responsabilità in ordine alla violazione degli artt. 2.2. e 3.2. delle NSA sulla base degli atti trasmessi dalla Procura della Repubblica di Rimini – nell’ambito della indagine del NAS di Bologna denominata “Anabolandia” - con richiesta di squalifica per 2 anni e 6 mesi;

l’atleta Marino Sassi (tesserato FCI) per il riconoscimento della responsabilità in ordine alla violazione dell’art. 3.2. delle NSA sulla base degli atti trasmessi dalla Procura della Repubblica di Rimini – nell’ambito della indagine del NAS di Bologna denominata “Anabolandia”- con richiesta di squalifica per 3 mesi.

Inoltre, sempre per la responsabilità sulla base degli atti trasmessi dalla Procura della Repubblica di Rimini (artt. 2.2. – 2.6. e 3.2. delle NSA) – nell’ambito della indagine del NAS di Bologna denominata “Anabolandia”- sono state richieste dall’ UPA, alla Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, richieste di inibizioni per i non tesserati:

Sig. Renato Roani (4 anni); Sig. Stefano Alloggia (3 anni); Sig. Vincenzo Agnello (20 anni); Sig. Filippo Benedettini (3 anni e 6 mesi); Sig. Roberto Pesaresi (2 anni e 5 mesi).