Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

milanocortina2026 2 day end foto mezzelani gmt411Un Seminario per lanciare la volata all’organizzazione dei Giochi Olimpici Invernali 2026. Milano Cortina ha vissuto 2 giorni di approfondimenti, riflessioni e spunti destinati ad accompagnare la lunga marcia che condurrà all’evento a cinque cerchi.

 

La seconda giornata, dell’appuntamento organizzato dal CIO in collaborazione con il CONI, il CIP e gli Enti territoriali coinvolti, si è aperta con la vision sui Giochi Paralimpici, tavola rotonda moderata dal giornalista della Gazzetta dello Sport Claudio Arrigoni e impreziosita dalla presenza del Presidente del CIP, Luca Pancalli, della campionessa paralimpica, Francesca Porcellato, dal Direttore Europeo della Nielsen Sport, Marco Nazzari e dal CEO dell’IPC, Mike Peters. Pancalli e la Porcellato hanno ricordato l’importanza del concetto di inclusione realizzata attraverso lo sport nella sua forma più autentica. Pancalli: “Il nostro è uno dei più importanti comitati paralimpici al mondo, penso che abbiamo costruito una macchina diventata una fuoriserie e dobbiamo dare risposte a milioni di persone. Milano Cortina può mettere in moto un processo di amplificazione per coinvolgere e raggiungere, è uno straordinario strumento di crescita per il Paese”. Mike Peters ha portato la sua testimonianza: “Quando ho partecipato alla prima edizione dei Giochi ho visto Pelè lanciare la monetina, ho capito quanto lo sport paralimpico fosse da prendere sul serio e si dovesse sentire importante. Ora tanti atleti hanno strutture fisiche imponenti, grazie allo sviluppo del movimento. Mio padre ha la distrofia muscolare, che all’inizio lo penalizzava, ma quando ha visto i primi Giochi Paralimpici ha avuto un moto d’orgoglio e ha deciso di accettare la carrozzina e di mettersi in gioco con entusiasmo”. 

 

La scena poi è stata tutta per l’olimpionica dello short track, Arianna Fontana, portabandiera a PyeongChang 2018, e Giorgio Rocca, ex sciatore azzurro 3 volte medagliato mondiale, intervistati dal Caporedattore sportivo de La Stampa, Paolo Brusorio. Arianna Fontana: “Ho tanti ricordi dei Giochi, il migliore è quello dopo i 500 metri di PyeongChang: ho parlato con i miei genitori, li ho visti piangere, mamma era senza parole. Tremo ancora se ci penso. I Giochi sono per sempre, uniscono la gente. Ti fanno entrare nella storia. Sono sicura che i Giochi siano una grande opportunità, è qualcosa che va oltre. Tante persone verranno in Italia e apprezzeranno la nostra ospitalità. Non so cosa farò nel 2026, potrei partecipare in modo attivo all’organizzazione. Ricordo ancora le emozioni di Losanna, ho vissuto l’ora più lunga della mia vita. Abbiamo pianto, riso, ci siamo abbracciati al momento dell’assegnazione. Sono sicura che i nostri Giochi metteranno al centro gli atleti, lasciando una grande legacy al Paese”. Rocca e i suoi ricordi: “Le Olimpiadi sono l’emozione che ti blocca, che ti avvolge. I Giochi ti mettono in connessione con il mondo, annullano ogni diversità. Ho partecipato a Torino 2006, so quanto sia fantastico ospitare un evento del genere nel nostro Paese. È un’occasione per avvicinare i giovani allo sport e per migliorare il Paese attraverso il nostro movimento. Sarebbe bello vedere bambini che praticano, questo è un evento che sa fare la differenza”.

 

I partner che contribuiscono alla promozione dei Giochi, che permettono al movimento di crescere e di avere grande visibilità, sono stati i protagonisti dell’approfondimento successivo, moderato da Elisabetta Caporale, Giornalista specializzata in sport olimpici di Rai Sport, con la partecipazione di Timo Lumme, Direttore dei servizi marketing e televisivi del CIO, Mauro Caruccio, CEO di Toyota Italia e Giuseppe Masocci, Vice Direttore Generale del Gruppo Giorgio Armani, che ha sottolineato come “lo sport ha sempre rappresentato un’estensione importante del nostro core business. Ci sono contributi concreti del nostro gruppo, che detiene anche la squadra di pallacanestro di Milano ma è il contributo del design che va molto oltre e abbraccia l’intero movimento. Abbiamo disegnato le divise tricolori per Tokyo 2020, speriamo che si possa vedere spesso sul podio. Stiamo studiando anche altre iniziative. Milano Cortina sarà una grande vetrina e una splendida opportunità”. Caruccio: “La partnership nasce spontanea, c’è coincidenza tra i nostri obiettivi e quelli del mondo sportivo che riesce ad abbattere ogni barriera e a raggiungere qualsiasi obiettivo. Toyota ha un rapporto splendido con il CONI e con il CIP. C’è un’affinità di valori importante, riceviamo tanto dalla comunità e ci sentiamo di restituire”. Timo Lumme: “Sono innamorato dell’Italia e dei valori che sa incarnare. Penso al Coni e al Comitato Organizzatore. Tutti ricevono dei fondi attraverso il programma globale e questo è un valore aggiunto, sfruttando il brand dei Giochi. Oggi è l’inizio del viaggio, dobbiamo iniziare a costruire un percorso per arrivare a un traguardo unico. L’azienda deve pensare alla strategia, ai piani, per verificare la tabella di marcia. Dobbiamo andare avanti con l’innovazione tecnologica, tenere in considerazione lo sviluppo digitale, la globalizzazione, aspetti da tenere presenti anche per un evento ultracentenario. Siamo orgogliosi dei rapporti che si stnno creando con dei colossi emergenti, come Alibaba e AirBnb, ci permettono di connetterci con milioni di persone nel mondo e di organizzare i Giochi in modo sempre più efficiente. Sono sicura che nel 2026 ”.

Gli studi universitari sull’impatto dei Giochi è stato oggetto di una tavola rotonda, moderata da Alberto Brandi, Direttore di Mediaset Sport, con Gianmario Verona, rettore della Bocconi di Milano e Jan Van Der Borg, Professore della Ca’ Foscari di Venezia. Verona: “Abbiamo un centro di ricerca denominato Green che si occupa di costi-benefici per comprendere le dinamiche economiche di questi eventi. In Lombardia abbiamo stimato la produzione complessiva di circa 3 miliardi, per quanto riguarda il valore aggiunto di 1,2 miliardi e circa 22 mila nuovi occupati. Bisogna partire il prima possibile per raggiungere i risultati indicati ma ci sarà una legacy importante. I Giochi”. Van Der Borg: “Abbiamo cercato di estrapolare la spesa per Veneto e Trentino Alto Adige e aggiunto attraverso moltiplicatori l’indotto per comprendere l’impatto complessivo, che abbiamo scoperto essere impressionante. La produzione complessiva di circa 1,5 miliardi, i 14 mila posti di lavoro e il gettito fiscale, più di 200 milioni, rappresentano numeri importanti per il nostro territorio. Tante cose vanno comunque verificate in corso ma credo che certe stime possano anche migliorare se il modello annunciato verrà confermato. Questi grandi eventi possono attrarre investimenti esteri, è una sfida per far crescere il sistema e la governance del Paese”.

 

Il microfono è passato poi a Cristophe Dubi, Direttore Esecutivo dei Giochi Olimpici del CIO, a Yannis Exarchos, CEO del Broadcast Olimpico ed Erika Pallhuber, Segretario Generale del Campionato del Mondo di biathlon 2020 per parlare di engagement legata al mondo olimpico. Dubi: “La comunicazione consiste nel dire qualcosa, pensiamo che attraverso i Giochi noi possiamo cambiare positivamente la vita delle persone grazie allo sport. Pensiamo all’eccezionalità di quello che avviene durante l’evento. Dobbiamo far sì che il coinvolgimento avvenga il primo possibile. Gli atleti sono il fulcro e i Giochi possono essere un volano di ispirazione fondamentale, nelle scuole e in molti contesti giovanili. Si può mixare lo sport, con la musica e tanti altri elementi può far diventare tutto molto più interessante. Bisogna usare tutto il bello del Paese per far volare i Giochi, sfruttando l’energia positiva che li caratterizza”. Exarchos: “Subito dopo Rio è stata riconosciuta la necessità di continuare con i livelli di interazione con tutto il pubblico. Nei Giochi lo sport è un valore che va replicato sempre, non solo durante l’appuntamento. C’è l’economia dell’attenzione e i giovani ci sono vicini grazie al mondo digitale, attraverso i canali che stanno crescendo tanto e questo è il cuore che ci fa lavorare ogni giorno. Usiamo tutti gli strumenti tecnologici possibili perché è il mezzo per una connessione costante che ci permette anche di intercettare le tendenze e i gusti. Non abbiamo pagine solo sulle stelle ma lanciamo sfide, come quella che coinvolge gli atleti per chiedere le loro opinioni su diversi aspetti. Non deve diventare una competizione tra sport e mondo digitale ma una sfida congiunta. Ci sono tanti strumenti ed è importante fare squadra. Gli atleti possono fare molto e noi altrettanto valorizzando i loro racconti, le loro storie”. Pallhuber: “Anterselva vive di sport, abbiamo un dialogo sempre aperto con la comunità, lavoriamo molto con i social, accettiamo domande e diamo risposte funzionali a un rapporto trasparente. Gli spettatori li facciamo sempre sentire parte dell’evento. Questo permette di promuovere la popolarità del biathlon, che negli ultimi anni ha ottenuto tra l’altro risultati importanti e questo ha rappresentato una grande sfida. Oggi lo sport deve essere non solo una gara ma una festa”.

 

Le Considerazioni finali, l’ultimo contributo, è stato affidato alle parole del Presidente del CONI, Giovanni Malagò, dell’Ad di Milano Cortina 2026, Vincenzo Novari e di Sari Essayah, Responsabile della Commissione di Coordinamento dei Giochi 2026. Novari: “Dobbiamo rimanere tutti uniti. Le competenze che albergano a Losanna e quelle sui territori sono punti di riferimento. Il terzo aspetto è ora per allora. Stiamo costruendo qualcosa che avrà il suo apice nel 2026, il cuore del progetto, ma i Giochi non devono rimanere confinate in quelle 3 settimane. L’evento sarà solo l’apice, poi la legacy dovrà essere duratura nel tempo”. Malagò: “Ciò che mi ha colpito di più è stato il ragionamento di Dubi, ha fatto una risonanza magnetica dell’obiettivo che ci caratterizzerà da oggi alle Paralimpiadi del 2026. Non dobbiamo commettere l’errore di sottovalutare i tempi, di essere pronti e reattivi per rispettare il timing. I Giochi si svolgono in quelle settimane del 2026 ma il progetto nasce subito, avendo chiari i compiti e gli obiettivi per arrivare a concretizzare un appuntamento speciale. Dobbiamo mettere a sistema la spinta che arriva dal Paese. Mi sembra che la partenza, grazie a questo importante evento, sia stata buona”. Essayah: “Abbiamo condiviso opinioni e riflessioni, sono molto contenta di aver partecipato, si tratta di un buon trampolino per il futuro e per creare un progetto all’altezza dell’entusiasmo che ho percepito. Non dobbiamo mai dimenticare i nostri valori e gli atleti, il fulcro di tutto. Sono orgogliosa di far parte di questa grande squadra, viva l'Italia”. (Foto Mezzelani GMT Sport)

media

photogallery