Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Si sono svolte oggi, presso la sede del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport, le udienze di discussione relative alle controversie U.S. Cremonese SpA / FIGC  e Benevento Calcio SpA / FIGC. La controversia Cremonese /FIGC ha per oggetto la sanzione della penalizzazione di 6 punti in classifica da scontarsi nel campionato 2011/2012 e l’ammenda di € 30.000, comminatale dalla Commissione Disciplinare Nazionale e confermatale dalla Corte di Giustizia Federale a titolo di responsabilità (art. 4, comma 2, del Codice di Giustizia Sportiva), in ordine agli addebiti contestati al suo tesserato Sig. Marco Paoloni.  Il Collegio arbitrale è composto da: Avv. Guido Cecinelli, Presidente; Prof. Avv. Maurizio Benincasa e Avv. Enrico De Giovanni. La controversia Benevento/FIGC ha per oggetto l’accertamento e la declaratoria dell’illegittimità e dell’infondatezza della decisione della Corte di Giustizia Federale con la quale veniva solo parzialmente accolto il ricorso della società contro la sanzione della penalizzazione di 9 punti in classifica, inflitta alla società dalla Commissione Disciplinare Nazionale in esito al deferimento del Procuratore Federale a titolo di responsabilità oggettiva ai sensi dell’art. 4, comma 2, e dell’art. 7, commi 4 e 6 , del Codice di Giustizia Sportiva in ordine alle violazioni attribuite al calciatore Sig. Marco Paoloni, limitatamente al periodo di tesseramento di quest’ultimo per il club (a partire dal 31 gennaio 2011 e sino al termine della stagione sportiva 2010/2011), con conseguente riduzione a sei punti della penalizzazione. Il Collegio arbitrale è composto da: Prof. Avv. Maurizio Benincasa, Presidente; Avv. Guido Cecinelli e Avv. Enrico De Giovanni. I rispettivi Collegi arbitrali, sentite le parti, si sono riservati la decisione.