Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Feed rss

Il sito ufficiale del Comitato Olimpico Nazionale Italiano – CONI, con tutte le news aggiornate, il programma degli eventi, documenti, foto e video
  1. quadarella2018argento2Simona Quadarella è d’argento ai Mondiali di nuoto in vasca corta in corso a Hangzhou, in Cina. Nella finale degli 800 sl vinta dalla beniamina di casa Wang Jianjiahe in 8'04"35, l’azzurra (foto FIN) che compirà 20 anni la prossima settimana, ha chiuso al secondo posto con il suo nuovo primato personale (8'08"03, la migliore prestazione italiana in tessuto della storia che avvicina l'8'04"43 "gommato" nuotato da Alessia Filippi per l'oro agli europei di Rijeka nel 2008), davanti all'americana Leah Smith, medaglia di bronzo in 8'08"75. Per l'Italnuoto si tratta della terza medaglia della rassegna dopo i bronzi conquistati da Gabriele Detti e Martina Carraro.

  2. WiererSembrava un sogno ma è diventato realtà. Dorothea Wierer ha conquistato il primo posto nella gara di sprint di Coppa del Mondo di biathlon che si è tenuta a Hochfilzen (Austria) lasciandosi alle spalle campionessa finlandese Kaisa Makarainen +0.6 (0-1).

     

    L'azzurra ha chiuso col tempo di 21'04”09 (0-1) recuperando nel finale un leggero svantaggio dalla diretta avversaria. Terza si è classificata la russa Ekaterina Yurlova-Percht +24 (0-0). Per Dorothea, che guida la classifica di Coppa del Mondo con 204 punti contro i 185 della rivale finlandese, è il primo successo in carriera in questa specialità e il quinto in carriera ma soprattutto il primo di questa stagione dopo due secondi posti (e il terzo nella staffetta mista).

     

    Per Lisa Vittozzi, invece, è arrivata la seconda beffa consecutiva: anche lei ha sbagliato, al primo poligono, ma è rimasta in gara fino alla fine e negli ultimi 2,5 km sugli sci ha dato il tutto per tutto, scavalcando la polacca Hojnisz e arrivando quarta a soli 9 decimi dalla russa Yurlova.

  3. ochnerA Carezza, sulla pista Prà de Tori, Nadya Ochner compie un capolavoro e ottiene il suo primo successo in Coppa del mondo battendo nella finale del gigante parallelo di snowboard Ester Ledecka, diventata famosa per aver vinto l'oro nel superG di sci alpino e nello slalom parallelo di snowboard all'ultime Olimpiade.

     

    Dopo aver ottenuto il sesto tempo nelle qualificazioni in 1'21"12, l'atleta delle Fiamme Oro ha superato una dopo l'altra le sue rivali nella fase a eliminazione diretta, facendo fuori nell'ordine la svizzera Ladina Jenny, la russa Natalia Soboleva e la tedesca Ramona Hofmeister. Poi, in finale, è arrivata l'impresa con il successo sulla Ledecka per 22 centesimi. Un'impresa che all'Italia mancava dal 2007, quando Isabella Dal Balcon vinse nel gigante parallelo di Furano.

     

    Fino ad oggi la 25enne azzurra aveva conquistato tre podi in carriera, uno in gigante proprio a Carezza nel 2014, quando fu terza, e due nello slalom. Non entrava tra le prime tre da due anni (Cortina 2016), lo fa nella tappa inaugurale di Coppa del mondo cominciando alla grande la stagione.

  4. DuEh1l XQAcrvUeUngheria, Turchia e Slovenia: queste le avversarie dell'Italia agli Europei femminili di basket in programma in Serbia e Lettonia dal 27 giugno al 7 luglio 2019. Le azzurre giocheranno a Nis, a 240 km da Belgrado, nel girone C:
    esordio il 27 giugno con la Turchia, il giorno dopo la gara con l'Ungheria e il 30 la sfida conclusiva con la Slovenia. Le prime sei dell'Europeo si qualificano per il pre-olimpico che si giochera a febbraio 2020. (Foto FIP)

  5. convegno mezzelani gmt044Il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha partecipato oggi al Convegno “Volontariato 2.0: lo Sport che va a rete”. L’evento, che si è tenuto al Salone d’Onore, ha approfondito il ruolo di una figura di fondamentale importanza per tutto il movimento, nell’ambito dei grandi eventi nazionali, internazionali e di ogni manifestazione a livello territoriale.

     

    Nell'occasione è stata presentata – da Bernardo Corradi - Sport4Love, la piattaforma che mette a sistema in modo gratuito domanda e offerta, per iniziare a riconoscere il valore fondamentale che i volontari hanno nel mondo dello sport. Il progetto, patrocinato dal CONI, garantirà un report annuale di monitoraggio, legato al mondo del volontariato a tutti i livelli. (Foto Mezzelani-GMT)

     

    Tra i relatori della sessione che ha aperto i lavori anche Nicolo Porro, Sociologo e Professore di Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute, Fabio Pagliara, Segretario Generale della FIDAL, Pierluigi Bernabò, Direttore Eventi FIR, e Gian Paolo Montali, Direttore Ryder Cup 2022.

     

    Il Presidente Malagò ha ricordato la straordinaria e nevralgica importanza del volontariato. “Quando iniziammo a parlare di questa iniziativa ho chiesto subito di sostenerla. Credo che a prescindere dai ruoli quel che conta sono le esperienze sul campo. L’ultimo censimento risale a qualche anno fa e attesta intorno a un milione il numero di persone rilevate in questo ambito, che rappresenta il 25-30% del volontariato del Paese. Con una particolarità legata alla genetica del settore: chi fa volontariato nello sport è estremamente giovane ed è già inserito nel mondo del lavoro. E questo vuol dire che ha un livello di conoscenza superiore alla media. I giovani vogliono essere presenti dentro un grande evento internazionale. C'è una dinamica di reclutamento particolare, i volontari sono il primo contatto con un evento. Rappresentano l'interfaccia preliminare e vengono formati per essere tutto. Il volontariato deve essere pronto a gestire ogni criticità, anche situazioni impreviste. Lo sport sarà sempre il motore di questo mondo. Puoi alimentare questa dinamica solo se fai qualcosa di straordinario e di diverso. Non basta l'attività ordinaria. Devi sapere di cosa parli, essere competitivo per ottenerle certe manifestazioni e credibile. Per questo serve fare sistema”. 

     

    Al convegno hanno partecipato anche i Vice Presidenti del CONI, Franco Chimenti (vicario) e Alessandra Sensini, che ha tra l’altro parlato del tema del giorno, analizzato alla luce delle sue esperienze olimpiche, ricordando con particolare enfasi la parentesi di Sydney 2000. Tra i presenti anche diversi Presidenti e Segretari Federali, dirigenti ed esponenti del movimento.