Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Feed rss

Il sito ufficiale del Comitato Olimpico Nazionale Italiano – CONI, con tutte le news aggiornate, il programma degli eventi, documenti, foto e video
  1. 20190624 Assegnazione Olimpiadi2026 Foto Pagliaricci GMT Sport064È il grande giorno. Allo Swiss Tech Convention Center di Losanna è in corso la 134esima Sessione del CIO, che nel pomeriggio designerà la sede dei Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali 2026. Nella mattinata c’è stata la presentazione tecnica dei rispettivi progetti al cospetto dei membri del Comitato Olimpico Internazionale.

     

    La candidatura tricolore è stata illustrata – a porte chiuse - dal Presidente del CONI, Giovanni Malagò, dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giancarlo Giorgetti, dalla campionessa paralimpica (estiva e invernale) Francesca Porcellato, dalla coordinatrice del progetto, l’olimpionica Diana Bianchedi, e dal campione a cinque cerchi e Sottosegretario ai Grandi Eventi della Regione Lombardia, Antonio Rossi, dal Segretario Generale del CONI, Carlo Mornati, con chiusura affidata al Presidente Malagò. Nel corso della presentazione è stato proiettato anche un video con gli interventi del Governatore della Lombardia, Attilio Fontana, e il Sindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina. Il Presidente del CIO, Thomas Bach, nello step successivo legato alle domande dei membri partecipanti alla Sessione, ha definito la presentazione tricolore "eccellente", giudizio ribadito anche da altri esponenti del Comitato Olimpico Internazionale nell'incipit dei loro quesiti.

    La nutrita delegazione italiana si è arricchita nel pomeriggio del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che si è unito al Sottosegretario Giancarlo Giorgetti e al Sottosegretario Simone Valente. Presenti anche campioni olimpici e mondiali, del presente e del passato, testimonial dell'eccellenza tricolore nel mondo, oltre ai Presidenti di Inter e Milan e tanti altri dirigenti, imprenditori ed esponenti delle istituzionali dei territori coinvolti nel progetto. 

     

    Prima dell’Italia era stato il turno di Stoccolma Are (per sorteggio). Nel primo pomeriggio sono previste le due presentazioni finali, prima del voto in programma alle 16. Alle 18 l’annuncio del vincitore. (Foto Pagliaricci GMT Sport)

     

    Gli interventi della Presentazione tecnica

     

  2. 20190623 Meeting MilanoCortina Foto Pagliaricci GMT Sport017Una vigilia fatta di prove, speranze e incontri. Una lunga attesa che è la sintesi dello sprint finale, perché domani si scrive la parola finale di un percorso ambizioso che schiude le porte dei Giochi Olimpici 2026. L’appuntamento è allo Swiss Tech Convention Center, Losanna, cuore del movimento a cinque cerchi che oggi ha celebrato l’inaugurazione della nuova Casa del Comitato Olimpico Internazionale celebrando i 125 anni dell’organismo sportivo più importante del mondo. Una cerimonia che non ha spostato i riflettori da quello che è il leit-motiv della 134esima Sessione del CIO: la sfida tra Milano Cortina e Stoccolma Are. L’ora X è arrivata, domani si chiude il testa a testa che ha scandito gli ultimi mesi. Presentazioni tecniche nella mattinata, consuntivi finali nel primo pomeriggio, voto alle 16 e annuncio alle 18. Una sequenza tutta d’un fiato che farà calare il sipario sulla contesa. (Foto Pagliaricci GMT Sport)

     

    Una calda domenica di giugno ha fatto da sfondo alle ultime 24 ore, iniziate con la partecipazione di una delegazione all’inaugurazione della nuova “casa” del CIO, proseguita allo Swiss Tech per le ultime prove tecniche e conclusa nell’incantevole Museo Olimpico, alla presenza del Presidente Bach e dei vicepresidenti del Comitato Olimpico Internazionale, per il bilaterale formale al quale ha partecipato anche il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giancarlo Giorgetti, insieme al Presidente Giovanni Malagò, al Segretario Generale Carlo Mornati, al Presidente del CIP, Luca Pancalli, ai membri CIO Franco Carraro, Ivo Ferriani, a quelli onorari Mario Pescante e Manuela Di Centa, oltre alle olimpioniche Sofia Goggia e Michela Moioli, al Mito a cinque cerchi Armin Zoeggeler, alla giovane Elisa Confortola (oro agli Eyof 2018 nello short track), ai Governatori di Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia, ai Sindaci di Milano e Cortina, Giuseppe Sala e Gian Pietro Ghedina, al Sottosegretario con delega ai Grandi Eventi della Regione Lombardia e olimpionico, Antonio Rossi, al Vice Sindaco di Cortina, Luigi Alverà, all'Assessore allo Sport del Comune di Milano, Roberta Guaineri, al Direttore Generale della Regione veneto, Maurizio Gasparin, al Presidente della FISI, Flavio Roda, alla coordinatrice della candidatura Diana Bianchedi, all’olimpionica Arianna Fontana e alla campionessa paralimpica Francesca Porcellato. Nella delegazione presente a Losanna fanno parte anche il Vice Presidente del CONI, Alessandra Sensini, i Presidenti Federali Giuseppe Abbagnale (Canottaggio), Luciano Buonfiglio (Canoa Kayak), Angelo Cito  (Taekwondo), Sabatino Aracu (Sport Rotellistici), Andrea Gios (Sport del Ghiaccio) e Luciano Rossi (Tiro a Volo), il membro di Consiglio Nazionale Kelum Perera (Vicepresidente della Commissione Atleti), ai quali si è aggiunto in serata il Vice Presidente Vicario del CONI Franco Chimenti, anche Presidente della Federgolf. Un gioco di squadra fondamentale per alimentare il sogno olimpico italiano con vista 2026.

     

    Un'attesa da vivere in diretta sul sito del CONI: grazie al segnale messo a disposizione da Olympic Channel: attraverso il link https://www.coni.it/it/134th-ioc-session (visibile anche tramite apposito banner) sarà possibile assistere alla parte finale della Sessione e all'annuncio ufficiale. Anche la Rai, su Raisport + HD trasmetterà dalle 13.45 alle 16 le fasi salienti della Sessione, con collegamenti anche dalle piazze di Milano e Cortina, mentre alle 18 l'annuncio sarà dato in diretta su RAI2. Milano Cortina 2026 è all'ultima curva. Domani la verità.

     

  3. fofana berlinoL'atletica incrementa il bottino della giornata azzurra. Con la speciale formula a punteggio di squadra adottato in questa edizione dei Giochi Europei, non si perde del tutto l'aspetto individuale. I vincitori delle singole gare odierne si sono garantiti comunque una medaglia. Così Hassane Fofana, primo nei 110 ostacoli con 13"40 (+1.4) ha conquistato la medaglai d'oro mentre la staffetta "The Hunt" novità tra le altre di questa speciale versione di atletica, corsa sulle diverse distanze (800-600-400-200), ha visto Riccardo Tamassia,Irene Baldessari,Giuseppe Leonardi e Giulia Riva giungere al terzo posto (4:29.17) che vale una medaglia di bronzo.

    In totale oggi l'Italia ha vinto 4 ori 2 argenti e 2 bronzi che, sommati all'argento e al bronzo vinti ieri, portano gli azzurri al 5° posto nel medagliere con10 medaglie.

     

    Gli atleti azzurri ricevuti dall’ambasciatore Baldi

    Intanto oggi una delegazione della squadra azzurra è stata ricevuta dall’Ambasciatore d’Italia in Bielorussia Mario Baldi presso la sede diplomatica di Minsk. Molti gli atleti presenti tra cui alcuni reduci dagli impegni gara come le farfalle della ginnastica ritmica, e i nei campioni del tiro con l’arco, insieme alle due squadre di basket 3x3, e atlete e atleti del pugilato, tiro a segno, sambo, guidati dal vice capomissione Giampiero Pastore. Nel corso dell’incontro l’Ambasciatore ha annunciato il programma delle attività culturali ed enogastronomiche che si terranno lunedì 24 giugno a Minsk in occasione della giornata della Gultura Italiana invitando gli atleti a partecipare.

     

  4. tiro23mezzelanigmtsport017Il mix team del Tiro con l’Arco si è aggiudicato la medaglia d’oro. Nell’Olympic Sport Complex di Minsk Lucilla Boari e Mauro Nespoli battendo la Gran Bretagna per 5-1 (111-103) hanno conquistato la prima medaglia d’oro azzurra a questa seconda edizione dei Giochi Europei. Messa in tasca la carta olimpica femminile, che mancava, grazie al successo in semifinale della Gran Bretagna sulla Germania, era l’unica formazione ad aver già fatto il pieno individuale, i due arcieri italiani hanno potuto gareggiare con tutta la serenità possibile dimostrando tutta la loro superiorità tecnica.

     medaglia1

    Ma non è finita qui. Sul circuito cittadino vince la gara in linea di ciclismo Davide Ballerini che ha coperto il percorso di 180 km in 4h10’04” giungendo solo sul traguardo dopo aver abbracciato insieme a sei corridori una fuga al 30° chilometro.

    La gara è stata animata dalla fuga che nel secondo giro Jan Petelin (LUX), Jan Andrej Cully (SVK) e Branislau Samoilau (BLR) sono riusciti a portare avanti fino a guadagnare oltre 5 minuti di vantaggio sul gruppo. Ma a meno di 40 chilometri dal traguardo su azione della squadra italiana il gruppo si è rifatto sotto fino a recuperare lo svantaggio.

    Ballerini 6bisA 30 km dal traguardo una serie di scatti hanno movimentato la testa del gruppo. Poi è Davide Ballerini ad inserirsi nella fuga insieme ad altri sei corridori staccando il gruppo di una ventina di secondi ma alle loro spalle la mossa è stata gradita. Il gruppo sembra rinvenire e quando suona la campana dell’ultimo giro i sette fuggitivi hanno solo 12 secondi di vantaggio. Ci pensa Davide però a risolvere i problemi di tutti scappa da solo a pochi chilometri dal traguardo e firma cosi la sua bellissima medaglia d’oro.

     

    Le due ragazze terribili non si smentiscono neanche oggi. Silvana Stanco e Jessica Rossi a colpi di fucile si sono contese la medaglia d’oro del Trap nel poligono di tiro dello Sporting Center di Minsk. L’ha spuntata Silvana Stanco che con 46 centri in finale ha stabilito il nuovo primato europeo e dei Giochi continentali. Jessica Rossi stavolta deve accontentarsi della medaglia d’argento con 44 piattelli distrutti.

     

    Entrate in finale rispettivamente con il secondo e il quarto posto le due azzurre hanno via via eliminato tutte le altre quattro avversarie e alla fine si sono trovate fianco a fianco per stabilire chi è la regina di questa specialità olimpica di tiro a volo. Questa è andata così ma la sfida proseguirà ancora sui campi di tiro almeno fino a Tokyo 2020 dove entrambe sono qualificate.

     

    Nella finale di Trap maschile Valerio Grazini aveva un compito arduo. Entrato con il secondo posto di qualifica doveva raggiungere il primato per conquistare la carta olimpica che ancora manca al Tiro a volo. Non ce l’ha fatta ma comunque conquistato una pesante medaglia d’argento. Il ventiseienne viterbese viene da diverse specialità del tiro dove già da quattordicenne riuscì a vincere un titolo mondiale. Nel 2008 è entrato a far parte della nazionale di fossa olimpica ma non disdegna di prendersi titoli e medaglie nella fossa universale e nell’elica.

     

    C’è ancora spazio per il bronzo nel judo di Maria Centracchio che nella categoria 63 kg aveva fatto quasi percorso netto se non fosse stata fermata in semifinale dalla britannica alice Schlesinger (0h- 10s2). Ma nella finale per il terzo posto l’azzurra ha ritrovato grinta e sicurezza e l’ha scaricata tutta sulla polacca Karolina Talach tanto da indurla a subire tre sanzioni che hanno determinato l’esito dell’incontro (10- 03s).

     

    Questi gli azzurri in gara lunedì 24 giugno

    Sport / Disciplina Gara Ora Sito Fase Azzurri
    Tiro con l'arco Arco ricurvo - Uomini dalle 09:00 Olympic Sports Complex Trentaduesimi di finale M. GALIAZZO - M.OONA (EST)
              D. PASQUALUCCI - A. WISE (GBR)
            ev. Sedicesimi di finale M. GALIAZZO
            ev. Sedicesimi di finale D. PASQUALUCCI
            Sedicesimi di finale M. NESPOLI - TBD
    Badminton Singolo - Uomini 11:40 Falcon Club Fase a gironi ROSARIO MADDALONI - E. HEINO (FIN)
      Doppio - Donne 12:20     LISA SCHACK IVERSEN, SILVIA GARINO - Y. ZHARKA, M. ILYNSKAYA (UKR)
      Doppio - Uomini 12:20     GIOVANNI GRECO, KEVIN STROBL - J. MAAS, R. TABELING (NED)
    Tiro a segno 10m carabina - Donne 08:00 Shooting Centre Qualificazioni MARTINA ZIVIANI, PETRA ZUBLASING
      10m carabina - Uomini 12:00     RICCARDO ARMIRAGLIO, LORENZO BACCI
      10m carabina - Donne 13:00   ev. Finale MARTINA ZIVIANI, PETRA ZUBLASING
      10m carabina - Uomini 14:00     RICCARDO ARMIRAGLIO, LORENZO BACCI
    Tiro a volo Trap - Squadre miste dalle 10:00 Sporting Club Qualificazioni JESSICA ROSSI, GIOVANNI PELLIELO -                                                                                                                                                             SILVANA MARIA STANCO, VALERIO GRAZINI
               
      Trap - Squadre miste 15:45   ev. Finale  
    Tennistavolo Doppio Misto 10:00 Tennis Olympic Centre Quarti di finale NIAGOL IVANOV STOYANOV, GIORGIA PICCOLIN - P. FRANZISKA, P. SOLJA (GER)
    Judo 90 kg - Uomini dalle 10:30 Chizhovka Arena Turni Eliminatori NICHOLAS MUNGAI - M KUUSIK (EST)
      100 kg - Uomini       GIULIANO LOPORCHIO - D. MUKETE (BLR)
      +100 kg - Uomini       VINCENZO D'ARCO - V. DRAGIC (SLO)
      90 kg - Uomini dalle 17:00   ev. Finale 3° Posto / Finale 1° Posto NICHOLAS MUNGAI
      100 kg - Uomini       GIULIANO LOPORCHIO
      +100 kg - Uomini       VINCENZO D'ARCO
    Pugilato 56 kg - Uomini 14:30 Sports Palace Uruchie Ottavi di finale RAFFAELE DI SERIO - S. KISTOHURRY (FRA)
      57 kg - Donne 16:15     ALESSIA MESIANO - S: BURCU (TUR)
      52 kg - Uomini 18:30     MANUEL FABRIZIO CAPPAI - K. SERIKOV (EST)
      69 kg - Uomini 20:15     VINCENZO MANGIACAPRE - P. BEHRAMI (KOS)
    Ginn. Trampolino Individuale - Donne dalle 14:50 Minsk Arena Qualificazioni COSTANZA MICHELINI
      Individuale - Donne 20:05   ev. Finale COSTANZA MICHELINI
    Ginn. Aerobica Coppia Mista 19:30 Minsk Arena Finale MICHELA CASTOLDI - DAVIDE DONATI

     

     

  5. alexTiro con l’Arco: L’Italia conquista la carta olimpica femminile, che le mancava, senza neanche dover aspettare l’esito della finale. La vittoria della Gran Bretagna sulla Germania in semifinale (5-4 allo shoot off) ha aperto la strada alla qualificazione olimpica azzurra visto che i britannici hanno già conquistato le due carte individuali. La squadra mista con Lucilla Boari e Mauro Nespoli hanno comunque conquistato nel frattempo anche loro la finale e concorreranno per una medaglia senza più pressione.

    Gli azzurri quindi in Giappone potranno concorrere nell'individuale maschile e femminile, oltre che nella gara a squadre miste. In attesa di poter qualificare entrambe le squadre il prossimo anno nella tappa di coppa del mondo di Berlino, dove saranno in palio nel mese di giugno 3 posti per i terzetti uomini e 3 posti per le donne.  

    E’ partita bene la mattinata azzurra con la squadra mista che ha superato allo shoot off la Russia resosi necessario dopo il 4-4. La coppia Boari - Nesppoli ha avuto ragione di Ksenia Perova e Galsan Bazarzhapov solo dopo un tiratissimo spareggio che si è concluso in favore degli azzurri per 19-17. Poi in semifinale le cose sono andate meglio. Contro la Bielorussia la formazione italiana ha concesso ben poco vincendo 6-2 (150-139). La finale ora attendo Italia- Gran Bretagna ma con la carta olimpica in più in casa Italia.

     

    Il Mix Team dell’arco compuond composto da Marcella Tonioli e Sergio Pagni non ha superato le scoglio dei quarti di finale. I due azzurri opposti alla coppia croata Amanda Mlinaric e Mario Vavro hanno perso 135 a 150 punti.

     

    Tiro a Segno:Paolo Monna dopo aver conquistato l’accesso alla finale della pistola 10 metri aria compressa con il 4° posto al termine del turno di qualificazione con 582 punti, ha concluso la gara finale al 5° posto (177.4). Nella prova precedente l’azzurro era finito poco distante dal record dei Giochi europei stabilito in qualifica dal russo Chernousov con 585 ma in finale dopo un avvio promettente la sua precisione è calata nel secondo round. Giuseppe Giordano si è fermato invece al 14° posto con 576 punti.

    Non sono riuscite ad avvicinare le parti alte della classifica le due tiratrici della pistola 10 metri. Margherita Veccaro è risultata 24ª con 384 punti mentre Maria Varricchio si classificata al 33 posto con 312 punti.

     

    Judo: Fabio Basile impegnato nella categoria 73 kg ha superato il primo incontro alla Chizhovka Arena l’austriaco Lukas Reeiter (10s2-0s2). Giovanni Esposito invece nella stessa categoria ha subito Ippon dall’ucraino Artem Khomula (1-10). E’ andata meglio al fratello Antonio Esposito che combatte nella categoria 81 kg. Nel primo incontro ha superato il portoghese Carlos Ruiz con Shido (10s1-0) nel Golden Score. Anche Christian Parlati (81kg) ha superato il primo turno battendo il croato Dominik Druzeta per Ippon (10s1-1).

    Il cammino di Fabio Basile (73kg) è proseguito per un altro turno poi è stato interrotto. L’azzurro ha messo a segno l’Ippon sul turco Murat Bektas (10s1- 0), poi è uscito sconfitto dal confronto, negli ottavi di finale, con l’azero Rustam Orujov per Ippon (1s1- 10s1). Antonio Esposito negli 81 kg è riuscito ad avere la meglio sul russo Alan Khubetsov (1s1-0s1) mentre è stato battuto Christian Parlati che ha subito Ippon dal belga Mattias Casse (1s1- 10).

    Negli ottavi Esposito ha incontrato e vinto contro il greco Alexios Ntanatsidis (10s2-0) ma nei quarti è stato fermato dal russo Ivaylo Ivanov (0-10). Inserito nel tabellone dei ripescaggi Antonio è riuscito a battere l’olandese Frank De Wit (1s2-0s1) passi in finale per il bronzo. Il georgiano Luka Maisuradze ha infranto però il suo desiderio di medaglia. Nella finale per il terzo posto l’azzurro è stato sconfitto (0-10s1) per Ippon.

     

    Avanza Maria Centracchio (63kg) superando la spagnola Isabel Puche (1s1 -0s1) e nella sempre nei 63 kg lo stesso ha fatto Edwige Gwuend opposta alla danese Olsen Laerke (10-0h). Anche nella categoria 70 kg le azzurre Alice Bellandi e Carola Paissoni passano il primo turno. Alice ha superato la bielorussa Viktoriya Nokikava (1s1-0s2) mentre Carola la spagnola Maria Bernabeu (10s2-0h).

    Nel secondo turno dei 63 kg successo di Maria Centracchio che ha superato l’olandese Juul Franssen (10-0h) mentre è stata sconfitta Edwige Gwend dall’olandese Sanne Vermeer (0-1s1). Anche Alice Bellandi ha subito la sconfitta nei 70 kg dalla francese Marie–Eve Gahie (0s1-10) come pure Alice Paissoni (70 kg) battuta dalla polacca Daria Pogorzelec (0h-10s2). Ai quarti di finale Maria Centracchio è ancora vincente contro la polacca Agata Ozdoba- Blach (10s1-0s3) mentre in semifinale ha subito la sconfitta da parte della britannica alice Schlesinger (0h- 10s2).

     

    Tiro a Volo: Silvana Stanco e Jessica Rossi lottano per le medaglie dopo aver conquistato l’accesso alla finale del Trap. Silvana, bronzo ai mondiali, ha centrato 113 piattelli posizionandosi seconda alle spalle della spagnola Fatima Galvez che è andata a segno 114 volte. Jessica, oro olimpico, tre mondiali e cinque europei sulle spalle, ha chiuso al quarto posto con 110 colpi a segno.

     

    Al termine del secondo round di qualificazione c’è chi sorride e chi no. Valerio Grazini può essere più che contento del suo secondo posto che lo proietta in finale con 120 piattelli centrati nonostante il vento e le condizioni climatiche alterne. Al primo posto si è classificato Jiri Liptak (Rep. Ceca) con 123 centri.

    Non sarà certo soddisfatto, invece, Giovanni Pellielo che ieri, dopo la prima serie di qualifiche, era secondo ed oggi invece non entra in finale ma chiude con il 9° posto a quota 117.

     

    Ginnastica ritmica: Alexandra Agiurgiuculese, impegnata nelle finale dei singoli attrezzi, ha eseguito un discreto programma di esercizi. Nel cerchio ha raggiunto il quinto posto (17,650), con la palla è risultata sesta (19.000) lo stesso piazzamento ottenuto alle clavette (20.400) e al nastro (17.900). Nella gara a squadre le farfalle poi hanno dovuto accontentarsi del quarto posto sia nella prova a 5 palle (24.825) che nei cerchi e clavette (50.375). Così è risultata al quarto posto anche la prova All Around (50.375) nonostante un ricorso della staff azzurro respinto dai giudici. Ha vinto la formazione bielorussa (26.450) davanti a Bulgaria (52.550) e Russia (51.700).

     

    Tennistavolo Nagol Stoynov e Giorgia Piccolin hanno battuto la coppia olandese Britt Eerland e Laurens Tromer 3-2. Nel torneo singolo Giorgia ha perso 1-4 dalla russa Polina Mikhelova come pure Nagol, opposto al bielorusso Vladimir Samsonov 3-4.

     

    Atletica: L’Italia chiude al terzo posto il girone di qualificazione. La gara che debutta in questa manifestazione con il nuovo format della “Dynamic New Athletics” prevede prestazioni di squadra. Nella staffetta finale 800-600-400-200, denominata “The Hunt” (la caccia), gli azzurri tagliano il traguardo in terza piazza: partiti quasi dieci secondi dopo la selezione russa (per effetto del regolamento che trasforma il gap di punti dopo 8 prove in un distacco temporale nella partenza delle staffette), gli azzurri Riccardo Tamassia, Irene Baldessari, Giuseppe Leonardi e Giulia Riva firmano il miglior crono di 4:29.07. Non basta, però, per raggiungere la Russia e quindi la classifica finale del match vede i russi al comando, qualificati direttamente per la semifinale di mercoledì prossimo, davanti alla Francia. L’Italia tornerà in gara martedì 25 giugno per un nuovo match, alla ricerca della semifinale. Hassane Fofana regala l’unica vittoria azzurra nel girone di qualificazione, disputato contro Russia, Francia, Slovenia, Romania ed Estonia. Nei 110 ostacoli il 27enne lombardo corre in 13.60 (+1.4) e si merita il bottino pieno di 12 punti.

     

    Pugilato: Federico Serra opposto al bulgaro Banabakov ha messo d’accordo i giudici vincendo con un secco 5-0 nella categoria 49 kg. Anche Aziz Mouhidine ha ottenuto lo stesso palese verdetto (5-0) contro il tedesco Waigel nella categoria 91 kg.

    Paolo Di Lernia (64 kg) ha vinto il suo primo incontro nel torneo di Minsk battendo nettamente il croato Erik Pijetrajk (5-0). Anche Salvatore Cavallaro (75 kg) ha superato il turno preliminare con un verdetto contrastato (3-2) dopo aver combattuto con il norvegese Mindaugas Gedminas. Irma Testa invece ha messo tutti d’accordo. Nella categoria 60 kg Irma ha battuto (5-0) la moldava Cristina Cravcenco.