Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Feed rss

Il sito ufficiale del Comitato Olimpico Nazionale Italiano – CONI, con tutte le news aggiornate, il programma degli eventi, documenti, foto e video
  1. FontannnnnL'Italia ha conquistato due argenti agli Europei di short track in corso a Debrecen. 

     

    I podi sono arrivati grazie all'olimpionica Arianna Fontana, seconda nei 1500 metri, in 2.35.91, dietro solo all’olandese Suzanne Schulting (2:35.91). Terza piazza per la tedesca Anna Seidel (2:36.31).

     

    Il secondo argento è arrivato da Martina Valcepina, che in 43.568 ha concluso i 500 sempre alle spalle della scatenata olandese Schulting (43.442). Bronzo per la polacca Natalia Malizzewska (43.709).

  2. triplettaLa valanga rosa tricolore conquista Bansko. L'Italjet femminile domina la seconda discesa di Coppa del Mondo disputata sulla pista bulgara, mettendo a segno una fantastica tripletta. Vittoria di Elena Curtoni in 1.29.31, davanti a Marta Bassino (1.29.41) e a Federica Brignone (1.29.45), che ieri aveva conquistato la seconda piazza. Una giornata trionfale capace di oscurare anche Mikaela Shiffrin, quarta a 35 centesimi dalla Curtoni.

     

    La tripletta italiana messa a segno da Elena Curtoni, Marta Bassino e Federica Brignone nella discesa di Bansko è la quarta nella storia della Coppa del Mondo e arriva a poco più di due anni da quella messa a segno a Bad Kleinkirchheim da Goggia/Brignone/Fanchini. Prima di loro furono Brignone/Goggia/Bassino nel gigante delle finali di Aspen del marzo 2017, mentre 24 anni fa Compagnoni/Panzanini/Kostner dominarono il gigante di Narvik. 

  3. 37f7996d 6c1a 4f1c ae5a 23b139b84a7f medium pMissione compiuta per la Nazionale di ciclismo su pista guidata da Marco Villa, che chiude in bellezza l'edizione 2019/2020 di Coppa del Mondo: con un bel secondo posto nella finale contro la Francia, il giovanissimo quartetto azzurro porta a casa non solo il primo podio in questa ultima tappa di Milton, ma soprattutto il primato nella classifica generale di specialità. L'Italia conquista quindi il primo gradino del podio di Coppa, superando la Svizzera in vetta alla classifica della challenge. Un risultato che dimostra continuità e validità di un lavoro che sta dando i suoi frutti. E' il terzo anno di fila che i ragazzi del quartetto conquistano la Coppa, segnale positivo e significativo: l'Italia c'è, sempre, ed il suo livello di rendimento è costantemente alto.

     

    Nella tappa canadese di Milton, il CT Marco Villa ha schierato una formazione inedita e sperimentale: i giovanissimi Carloalberto Giordani, Davide Boscaro, Giulio Masotto, Stefano Moro e Gidas Umbri hanno ben figurato sia durante le qualifiche che durante le ultime fasi di gara, conquistando alla fine il secondo posto dietro un'arrivabile Francia. Terzo posto per il Canada sulla Bielorussia, quinta infine l’Ucraina. Tra le donne niente formazione azzurra: la vittoria finale di Coppa va alla Germania, mentre la tappa di Milton è stata dominata dagli USA davanti alla Francia, bronzo alle canadesi sulle belghe. (Foto FCI)

  4. FORO5 crLa 1098ª riunione della Giunta Nazionale del CONI si terrà lunedì 27 gennaio 2020 a Roma, presso il Foro Italico, con inizio alle ore 10.

     

    Questo l'ordine del giorno:

     

    1) Verbale riunione del 17 dicembre 2019

    2) Comunicazioni del Presidente

    3) Attività Olimpica e Alto Livello

    4) Attività Federazioni Sportive Nazionali – Discipline Sportive Associate – Enti di Promozione   Sportiva – Attività Antidoping

    5) Affari Amministrativi 

    6) Varie e proposte dei membri della Giunta Nazionale

     

  5. 20200124 FBasile TelAviv4La stella di Fabio Basile torna a splendere a Tel Aviv. Il campione olimpico a Rio ha dominato i -73 kg del Grand Prix. Cinque combattimenti, quattro vittorie per ippon ed una, la finale, in cui l’avversario ha lasciato campo libero in seguito all’infortunio patito in semifinale. È stata soltanto una fatica in meno, ma che non ha attenuato la gioia di Fabio, felice per aver ritrovato il sapore della vittoria a 1265 giorni da quella indimenticabile alle Olimpiadi. Basile si è sbarazzato da Shimizu (Jpn), Umayev (Bel), Stump (Sui) e Hojak (Slo). Non ha risposto all’appello soltanto l’armeno Ferdinand Karapetian, che vinse gli Europei nel 2018, ma un infortunio ad un dito l’ha costretto a dare forfait. Una gara straordinaria è stata anche quella di Giovanni Esposito, quinto nei 73 kg con le vittorie su Bartusik (Pol), Nunes Dos Santos (Lux), Makhmadbekov (Tjk) e, dopo esser stato immobilizzato dallo spagnolo Cases Roca, ha saputo rimontare un wazari a Tommy Macias (Swe). Nella finale per il bronzo, Esposito è stato sorpreso purtroppo dalla rapidità di Martin Hojak. Negli 81 kg Antonio Esposito ha superato bene l’israeliano Ohat Dan ed è stato poi fermato dalle sanzioni con Aslan Lappinagov (Rus), mentre Andrea Regis ha trovato disco rosso con il kazako Mussayev. Disco rosso anche per Nadia Simeoli e Maria Centracchio che, nei 63 kg, sono state fermate rispettivamente da Agathe Devitry (Fra) e Agata Ozdoba-Blach (Pol). Sabato terza ed ultima giornata di Grand Prix con sette italiani impegnati, Nicholas Mungai, Matteo Marconcini (90), Giuliano Loporchio (100), Vincenzo D’Arco (+100), Giorgia Stangherlin, Valeria Ferrari (78), Eleonora Geri (+78).