Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Consiglio di Statoa cura di Monica La Pietra, Flaminia Ielo

Presidente, Gianpiero Paolo Cirillo - Estensore, Dante D’Alessio

Violazione art. 5, 3° comma, d.lgs. 9 gennaio 2008, n. 9 – violazione art. 3, 2° e 3° comma, Regolamento esercizio diritto cronaca audiovisiva – utilizzo immagini per fini scenografici – irrilevanza modalità trasmissione – lesione diritti audiovisivi – configurabilità

Al di fuori dei limiti ricavabili dall’art. 5, 3° comma, del d.lgs. 9 gennaio 2008, n. 9 e dall’art. 3, 2° e 3° comma, del Regolamento per l’esercizio del diritto di cronaca audiovisiva, non è consentito ai soggetti che non sono assegnatari dei diritti audiovisivi sportivi e che non hanno, quindi, acquisito il diritto oneroso di sfruttamento economico degli eventi sportivi, trasmettere le immagini riguardanti quegli eventi. In tal senso, a nulla rilevano le modalità di trasmissione delle immagini e la circostanza che le stesse siano impiegate solo come “contorno” e “sfondo” per le discussioni tenute dagli ospiti in studio.

 

Violazione art. 5, 3° comma, d.lgs. 9 gennaio 2008, n. 9 – violazione art. 3, 2° e 3° comma, Regolamento esercizio diritto cronaca televisiva – utilizzo immagini per fini scenografici – responsabilità esclusiva inserzionista terzo – esclusione – responsabilità editoriale per omessa vigilanza – sussistenza

            Ai sensi del combinato disposto dell’art. 2, comma 1, lett. b) e lett. h) del d.lgs. n. 177 del 2005, il titolare dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività audiovisiva è responsabile dei contenuti dei programmi trasmessi a prescindere da ogni questione riguardante i rapporti intrattenuti con gli autori dei programmi e fatta salva ogni possibile rivalsa nei confronti dei soggetti che hanno materialmente determinato l’evento che è stato poi sanzionato.

 

Violazione art. 5, 3° comma, d.lgs. 9 gennaio 2008, n. 9 – violazione art. 3, 2° e 3° comma, Regolamento esercizio diritto cronaca televisiva – riduzione sanzione ex art. 51, 5° comma, d.lgs. 31 luglio 2005, n. 177 – applicazione generale – esclusione – specifiche violazioni – applicabilità

La riduzione delle sanzioni previste dal comma 5 dell’art. 51 del d.lgs. n. 177 del 2005 non opera con riferimento a tutti i provvedimenti sanzionatori posti in essere dall’Autorità ma solo con riferimento alle specifiche violazioni indicate analiticamente nel comma 1 (e richiamate nel comma 2), fra le quali non rientrano le fattispecie riconducibili alle condotte e ai poteri sanzionatori di cui all’art. 1, comma 31, della legge 31 luglio 1997, n. 249.

 

Scarica qui il testo del provvedimento in PDF