Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Lo sport per i suoi tassi di diffusione e di crescita è un fenomeno sociale ed economico di grande rilievo in Italia e, più in generale, in tutti i paesi Europei.

 
La partecipazione sportiva in Europa è molto elevata, interessando un cittadino su due, mentre un Europeo su cinque pratica lo sport all'interno di un'associazione collegata ad una federazione sportiva.  Inoltre, lo sport si sta sempre più caratterizzando come un settore di notevole interesse per le possibilità di sviluppo commerciale e per i potenziali investimenti che le molteplici attività ad esso collegate offrono ad altri comparti economici. 


La crescente interrelazione tra l'attività sportiva e l'industria dei servizi ha creato nuove prospettive di sviluppo nell'ambito della produzione degli articoli di abbigliamento sportivo, nella costruzione e la gestione degli impianti sportivi, nell'offerta di servizi di informazione, di intrattenimento e di comunicazione collegati allo sport.

Lo sport in senso ampio ha infatti generato un valore aggiunto di 407 miliardi di euro nel 2004, il che corrisponde al 3,7% del PIL dell’Unione Europea, e occupazione per 15 milioni di persone, pari al 5,4% della forza lavoro. 


Tali differenze possono essere addebitate non solo al ritardo nello sviluppo del settore ma anche alla complessa struttura del mercato del lavoro italiano nonché alla persistenza del lavoro sommerso. 
Uno dei dati più significativi è quello relativo all'emergere, nel nostro paese, di un settore privato capace di promuovere occupazione. 


Attualmente, in Italia, considerando le professioni dello sport e quelle ad esso correlate, si contano circa 70.000 occupati, mentre l'intera filiera dello sport (includendo in questo modo anche le attività produttive correlate) rappresenta un volume di manodopera assai più rilevante,  stimabile in oltre 350.000 persone. 


Oltre agli operatori occupati un vero "esercito" di volontari (circa 500.000) contribuisce spesso in modo estremamente professionale alla gestione e allo sviluppo delle attività sportive prevalentemente all'interno del sistema CONI-Federazioni.