By continuing to use this site, you agree to the use of cookies.

You can find out more by following this link. Learn more

I understand

conf stampa educamp foto mezzelani gmt079dd“Dal gioco ai Giochi”, tornano gli Educamp. Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano rilancia il progetto dedicato ai centri sportivi estivi che promuove l’attività sportiva tra i giovani dai 6 ai 14 anni, attraverso un percorso multidisciplinare che amplia il bagaglio motorio degli iscritti. Con una novità assoluta: l’Educamp al Centro di Preparazione dell’Acqua Acetosa a Roma che ha preso il via lunedì e che è stato presentato oggi al “Giulio Onesti” dal Presidente del CONI, Giovanni Malagò, dal Segretario Generale e Responsabile della Preparazione Olimpica, Carlo Mornati, dall’Assessore alle Politiche Sociali, Welfare ed Enti locali della Regione Lazio, Alessandra Troncarelli, da Roberto Tavani, Advisor sulle Politiche dello Sport del Presidente della Regione Lazio e da Massimo Castiglia, in rappresentanza di Kinder Joy of Moving (foto Mezzelani GMT Sport).

 

I giovani e lo sport come declinazioni irrinunciabili di un progetto rinnovato che trasforma le complessità del momento in opportunità – nel pieno rispetto delle attuali prescrizioni a tutela della salute e della sicurezza -, sfruttando un sinergico gioco di squadra sul territorio e puntando, per la prima volta, sul centro di Preparazione Olimpica dell’Acqua Acetosa a Roma, simbolo d’eccellenza che ne ispira la vision.

 

“Per la prima volta all’interno di questo complesso si tiene un nostro storico progetto che sviluppiamo su tutto il territorio nazionale. In questo anno particolare in cui il Centro si è svuotato delle Nazionali che sarebbero dovute partire per Tokyo 2020, ci sembrava bello, dopo il lockdown, dare un segnale di ripartenza con un programma di avvicinamento allo sport dei giovani – ha spiegato Mornati -. Questo è il modo migliore di ripartire dall’ombelico dello sport italiano e per diffondersi sul territorio. Non si tratta di un centro estivo classico ma di un programma di avvicinamento allo sport gestito da tecnici con una profonda conoscenza del nostro mondo. Sono circa 1400 e sono la punta di diamante e il vero fiore all’occhiello. Ringrazio moltissimo la Regione, in particolare quest’anno non ci interessano i numeri ma ci interessa che i giovani si accostino alle discipline sportive e capiscano i valori dello sport”.

 

“La collaborazione tra la Regione Lazio e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano è storica. Si tratta di un percorso che la Regione ha voluto consolidare da sempre. In questo momento saremmo dovuti partire per le Olimpiadi e, vista la situazione, abbiamo voluto giocarci il jolly: quale occasione migliore c’è, infatti, per far utilizzare questo luogo deputato ad ospitare la preparazione alle competizioni olimpiche per far vivere un’esperienza ai ragazzi non nei centri estivi tradizionali ma in un centro con specificità di alto livello? Qui abbiamo 10 discipline – ha ricordato Malagò - perché la prerogativa degli Educamp è la multidisciplinarità. Magari qui scopriremo i nuovi Mennea, Pellegrini, Masciadri e Pagnini. Oggi ci sono delle impossibilità determinate da vari fattori per crescere questi talenti dalla scuola, noi cerchiamo in qualche modo di intercettarli. Siamo la colonna vertebrale del mondo dello sport e sappiamo come le società post Covid siano in difficoltà. Ciò avviene in un Paese che sta invecchiando sempre di più: se non cerchiamo di supportare anche chi invece vuole approcciare allo sport, e tutti stiamo facendo il nostro, ci potrebbero essere ripercussioni sui prossimi Giochi dopo Tokyo”.

 

Accanto al CONI, c’è ancora una volta “Kinder Joy of Moving”, il progetto di responsabilità sociale del gruppo Ferrero da anni partner del Comitato Olimpico Nazionale Italiano per lo sviluppo dell’attività sportiva giovanile, declinata sul territorio attraverso i Centri CONI, gli Educamp e il Trofeo CONI Kinder Joy of Moving, proposto nell’edizione estiva e invernale.
“È un marchio che non è negli scaffali ma dà un supporto sociale al terzo settore e allo sport, ed è formidabile averli vicino – ha riconosciuto Malagò -. Questa Joy of Moving devono sentirla i ragazzi che vengono qui. Gli Educamp sono il fiore all’occhiello del nostro mondo, la speranza è che contribuiscano a far crescere i nuovi campioni e ci portino in futuro una medaglia”.

“Essere qui è un grande segnale – ha sottolineato Castiglia - Noi come Ferrero abbiamo la forte convinzione che lo sport va avanti e che sia uno dei più grandi elementi di traino del mondo economico e nella formazione delle giovani generazioni. Il CONI e Ferrero sono accomunati da professionalità, passione e perseveranza. Lo sport di alto livello si nutre della promozione sportiva che dà un forte contributo sociale alla formazione dei giovani. Dico grazie al CONI che ci ha chiamato a rilanciare questo progetto con ancora più slancio. Questo camp inoltre ha il privilegio di avere anche grandi atleti che ricoprono ruoli molto importanti”.


Il programma settimanale, consultabile tramite il sito dedicato www.educamp.coni.it, prevede la possibilità di far sperimentare metodologie e strategie di formazione innovative. Il punto di forza è l’interdisciplinarietà e varia in base alla sede.


Il progetto Educamp è stato adeguato alle Linee Guida Nazionali e alle prescrizioni che riguardano la tutela della salute e il contenimento del contagio da Covid-19 ed è stato avviato attraverso un percorso di informazione e formazione gratuita, realizzato in collaborazione con la Federazione Medico Sportiva Italiana, che ha coinvolto, ad oggi, oltre 1400 operatori dello sport. Si tratta di educatori tecnico-sportivi, laureati in Scienze Motorie o diplomati ISEF, con qualifiche federali specifiche, in relazione alle discipline proposte in ogni singolo campo, che garantiscono professionalità ai centri sportivi estivi.


L’edizione 2020, simbolo di ripartenza dopo il lockdown causato dalla pandemia di Covid-19, si caratterizza per la novità dell’Educamp organizzato per la prima volta al CPO dal CONI Lazio guidato da Riccardo Viola, in collaborazione con la Preparazione Olimpica e l’Istituto di Scienza dello Sport del CONI.

 

Attraverso l'area riservata http://areaeducamp.coni.it/ ci si potrà iscrivere al corso di Roma, che è partito lunedì e terminerà il 4 settembre (7 settimane complessive) e grazie al quale i giovani potranno accedere a un luogo "sacro" dello sport e praticare scherma, rugby, calcio, hockey, pallacanestro, taekwondo, baseball/softball, ginnastica e triathlon, interagendo anche con i campioni più titolati dello sport italiano. Inaugurano questa serie di appuntamenti le plurititolate Marta Pagnini, bronzo olimpico ai Giochi Londra 2012 nel concorso generale di ginnastica ritmica ed ex capitano delle Farfalle e Raffaella Masciadri, ex capitana della Nazionale di pallacanestro, primatista assoluta di presenze in Serie A con 790 gare all’attivo. Presente anche il campione olimpico di nuoto, Gregorio Paltrinieri.

 

“Qui ho trascorso parecchie estati – ha ricordato Masciadri –. Questi bambini sono gli attori principali del nostro futuro e tutti noi abbiamo iniziato come loro. Come Commissione Atleti siamo molto vicini al progetto e abbiamo una grande responsabilità sociale nei confronti della comunità italiana. Questi bambini dopo il lockdown hanno più bisogno di altri di tornare a interagire con i loro coetanei e qui incontreranno tanti campioni”.

“Da ginnasta non mi sono mai allenata qui – ha aggiunto Pagnini- ma associo questo posto ai ritrovi alle feste post gara ed è bellissimo tornarci. Questi ragazzi sono la linfa che deve trainare sport e noi che abbiamo un percorso alle spalle, possiamo insegnare loro qualcosa di importante. Spero che iniziative come queste durino per sempre perché portano tra i giovani lo spirito olimpico”.

 

Inoltre, al CPO Onesti, i ragazzi potranno sperimentare il TEM, il Test di Efficienza Motoria sviluppato dall’Istituto di Scienza dello Sport del CONI, per raccogliere i dati sulle capacità e abilità motorie dei ragazzi. Un test divertente, innovativo e utile per conoscere e far crescere i giovani campioni, sviluppato sotto forma di gioco e già introdotto e collaudato dal CONI nei suoi Educamp e al Trofeo CONI.
L’edizione romana si arricchisce di un ulteriore significato: la Regione Lazio, infatti, in collaborazione con il CONI, favorirà l’iscrizione gratuita, senza alcun onere economico, dei ragazzi ospitati delle case famiglia della città di Roma. Questo progetto è parte del ‘programma di promozione sportiva inerente allo sport di cittadinanza e all’inclusione sociale’ dettato dal protocollo d’intesa fra Regione Lazio e CONI e si svilupperà con il coinvolgimento dell’Assessorato Politiche Sociali, Welfare ed Enti Locali.

 

“I giovani hanno particolarmente sofferto il lockdown e siamo al fianco del CONI con cui abbiamo un protocollo e da cui sono partiti tanti progetti sperimentali – l’intervento dell’Assessore Troncarelli –. Lo sport è inclusione sociale e come amministrazione vogliamo garantire l’attività sportiva laddove è possibile. Abbiamo incamerato l’idea di dare un’opportunità in più alle persone con un disagio socio-economico e, quindi, di dare la possibilità di accedere all’Educamp a tutti i ragazzi ospiti delle case famiglia. Saranno circa 100-150 ragazzi. Dopo il lockdown, inoltre, abbiamo deciso di stare al fianco delle famiglie del Lazio con 20 milioni di euro suddivisi in due fasi, riconoscendo dei voucher anche per l’inserimento nel mondo dello sport e poi un contributo per le associazioni culturali e a quelle presenti nel registro CONI per favorire l’outdoor education”.

 

Gli Educamp CONI sono presenti su tutto il territorio nazionale dove vince, però, la formula smart, grazie alla proposta dei Comitati Regionali del CONI, agli Organismi Sportivi, alle Associazioni Sportive e alle Società Dilettantistiche del territorio che garantiscono una ripartenza dell’attività giovanile in sicurezza.
Al momento il progetto ha già riscontrato l’interesse di 173 Associazioni attive in 15 Regioni diverse (con Liguria, Veneto e Sicilia leader), numero destinato a crescere ancora nei prossimi giorni. Genova è la città che detiene il numero più alto di realtà coinvolte (12), seguita da Torino (5).
“Dal gioco ai Giochi”, perché gli Educamp contribuiscono a scoprire e a far crescere i campioni azzurri di domani.

 

La presentazione degli Educamp 

 

 

 

 

media