By continuing to use this site, you agree to the use of cookies.

You can find out more by following this link. Learn more

I understand

pellegriniE’ sempre lei la migliore anche sui 100 metri. Nella piscina del Foro Italico Federica Pellegrini ha messo il suo sigillo nella gara regina dello stile libero. Pur non essendo la sua distanza preferita Federica oggi non ha avuto rivali coprendo le due vasche in 54.33. Avversaria di tutto rispetto si è dimostrata Silvia Di Pietro che ha tenuto il confronto quasi fino alla fine chiudendo però al terzo posto con 54.96. In mezzo alle due azzurre si è inserita, infatti, la belga Valentine Dumont (54.91).

 

Il Sette Colli, oltre ad essere il primo appuntamento internazionale per le atlete e gli atleti azzurri in questa difficile stagione, assegna anche i titoli italiani assoluti e per Federica si tratta dell'ennesimo tricolore della sua lunga carriera. Domani sarà impegnata nei 200 sl.

Alessandro Miressi con 48.15 ha ottenuto un ottimo tempo nelle due vasche a stile libero precedendo Ivano Vendrame (48.70 e Manuel Frigo (48.75).

 

Gregorio Paltrinieri non se lo è fatto ripetere due volte. Spinto al duello con Gabriele Detti nelle gare di distanza, il campione mondiale in carica sugli 800 sl non ha voluto concedere nulla agli avversari anche questa volta confermandosi un ottocentista di tutto rispetto. L’olimpionico di Rio 2016 sui 1500 sl ormai pensa sempre più alle lunghe distanze. Ai mondiali coreani di Gwangju nel 2019, infatti, oltre al terzo posto sui 1500, aveva anche assaporato le gare in acque libere conquistando al debutto il pass olimpico sui 10 km grazie al sesto posto, contribuendo al secondo posto nella gara squadre di 5km. Greg ha fermato il cronometro su 7:40.22 precedendo Gabriele Detti che non è riuscito ancora una volta a portare a casa la vittoria chiudendo in 7:46.04. Terzo si è classificato Domenico Acerenza (7:48.74)

 

Martina Caramignoli non si smentisce e conferma il suo momento di ottima forma. Dopo aver superato ieri la campionessa mondiale Simona Quadarella sui 1500 metri è riuscita ad imporsi anche negli 800 metri sl battendo Giulia Salin che ha combattuto per metà gara. Martina con 8:24.16 ha migliorato il suo personale come anche pure Giulia che ha fermato il cronometro sul 8:26.81.

 

Altra sfida della giornata è stata quella dei 100 farfalla femminili. Ha vinto Ilaria Bianchi (58.73) su Elena Di Liddo (58.89). Federico Burdisso si è aggiudicato il primo posto nei 200 farfalla (1:54.83) ripetendo il successo di ieri sui 100. Nei 100 dorso Margherita Panziera ha festeggiato il suo venticinquesimo compleanno vincendo la gara in 59.96 mentre Thomas Ceccon (43.40) ha chiuso alle spalle del francese Meven Tomac (53.29) ma si aggiudica il titolo italiano.

 

Luisa Trombetti nei 400 misti, grazie all’ultima frazione in stile libero, ha conquistato il primo posto (4:45.24) precedendo Sara Franceschi (4:49.30) proprio nelle ultime due vasche. L’ungherese David Verraszto (4:12.66) si è aggiudicato la prova maschile lasciandosi alle spalle Pier Andrea Matteazzi (4:15.03) che ha limato il suo personale e conquistato il titolo tricolore.

 

Poi arriva Benedetta Pilato in vasca e nei 50 rana stabilisce il nuovo record italiano, nonché record mondiale juniores, con 29.85. La quindicenne segna un tempo incredibile dopo un periodo di blocco delle attività agonistiche. Martina Carraro si deve accontentare del secondo posto con 30.41. Nella stessa distanza Nicolò Martinenghi ha fatto registrare un 26.96 bissando il successo di ieri sui 100 rana.