Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

7-ALTA-CORTE E’ stato depositato presso la Segreteria dell’Alta Corte di Giustizia un ricorso da parte dei signori Luisa Riboli, Oreste De Faveri, Giuseppe Scuteri, Alessandro Castelli, Rosario Gandolfo, Rodolfo Carrera, Donatella Tonellotto, Lorenzo Lanza e Giorgio Ricci contro la Federazione Ginnastica d’Italia (FGI), il Consiglio Direttivo Federale della FGI, il Commissario pro tempore del Comitato regionale Lombardia della FGI e il Comitato regionale Lombardia della ripetuta Federazione per la declaratoria di nullità e/o annullamento, previa adozione di ogni idonea misura cautelare: della nota prot. n. 899/PF/Gd/vc della Federazione Ginnastica d’Italia avente ad oggetto “Comunicazione nomina Vicepresidente vicario Peroni commissario CR Lombardia”; della deliberazione del Consiglio Direttivo federale della FGI del 19 gennaio 2013, sconosciuta nei contenuti e negli estremi, con la quale il Consiglio direttivo federale ha deliberato:
di sciogliere il Comitato regionale Lombardia per la presunta violazione dell’articolo 12, commi 1 e 2, dello statuto federale;

di nominare quale Commissario il Vice Presidente vicario Valter Peroni, ai sensi dell’art. 15, comma 8, lett. h)e lett. i);

di incaricare il prof. Valter Peroni, entro sessanta giorni dalla nomina, di indire l’Assemblea Elettiva regionale nei successivi trenta giorni per la ricostituzione degli organi sciolti;

-
tutti gli atti presupposti, connessi e/o consequenziali, ancorché alla data odierna sconosciuti negli estremi e/o nei contenuti, con riserva espressa di proporre ricorso per motivi aggiunti.


I ricorrenti chiedono, altresì, all’Alta Corte di voler disporre in via cautelare, eventualmente anche con provvedimento presidenziale emesso inaudita altera parte, ai sensi dell’art. 3, comma 1, lett. c), del Codice, la sospensione dell’efficacia degli atti impugnati, ripristinando lo status quo ante l’emissione del provvedimento di commissariamento del C.R. Lombardia.
 
In via istruttoria i ricorrenti chiedono all’Alta corte di ordinare alla FGI l’esibizione, con conseguente acquisizione al fascicolo del presente procedimento, della predetta deliberazione i cui contenuti ed estremi risultano ancora sconosciuti.