Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

7-ALTA-CORTEL'Alta Corte di Giustizia ha accolto il ricorso presentato dalla società Crusaders Cagliari contro la FIDAF. Il ricorso, indirizzato anche contro la società Legio XIII Roma A.S.D., chiedeva l’annullamento:

  1.      della decisione in data 29 maggio 2013 (comunicata in data 30 maggio 2013), con la quale la Commissione Giudicante F.I.D.A.F. ha confermato la qualifica di atleti di “scuola straniera” attribuita dal Giudice Sportivo Nazionale ai giocatori dei Crusaders Cagliari Nicolas Sialelli e Manuel Morales e“ la perdita a tavolino della partita disputata in data 21 aprile 2013 con la società Legio XIII di Roma” e, in parziale riforma della medesima pronuncia emanata dal Giudice Sportivo in data 10 maggio 2013, ha disposto nei confronti della società Crusaders A.S.D.F.A. la riduzione della “penalizzazione a punti 2” e della “ammenda ad euro 500,00);
  2.     dell’art. 20 del Regolamento di Tesseramento, così come illegittimamente modificato con parere di “interpretazione autentica” reso in data 10 maggio 2013 dal consiglio Federale della F.I.D.A.F.;
  3.      nonché di ogni altro atto connesso, presupposto e conseguente, ivi comprese la decisione GSN in data 10 maggio 2013 e l’ordinanza GSN in data 9 maggio 2013.

La società ricorrente chiedeva, in definitiva, l’accoglimento del ricorso e, per l’effetto, l’annullamento delle sanzioni inflitte alla società Crusaders Cagliari A.S.D.F.A., nonché l’immediato reintegro dei giocatori Sialelli e Morales nel roster.