Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un ricorso presentato congiuntamente dalla Procura Generale dello Sport c/o il CONI e dalla Procura Federale c/o la Federazione Italiana Tennis (FIT) contro il sig. Valerio Moretti (all'epoca dei fatti tesserato per la FIT come Maestro Nazionale) e nei confronti del sig. Simone Barbarossa nonché della FIT avverso la decisione n. 5/2020, resa dalla Corte Federale di Appello FIT, Proc. n. 62/2019, pubblicata in data 9 luglio 2020, mediante la quale è stato parzialmente accolto il reclamo proposto dal Maestro Nazionale Valerio Moretti avverso la decisione n. 2/2020, resa dal Tribunale Federale in data 8 gennaio 2020, pubblicata il successivo 17 gennaio, con condanna dell’incolpato “(…) esclusivamente per la contestazione di cui al capo n. 3 [ violazione dell'art. 1, commi 1 e 2, RG FIT - ndr] confermando la sanzione pecuniaria di € 300,00 e la sanzione inibitiva di 30 gg di sospensione”.

 

Le ricorrenti Procura Generale dello Sport e Procura Federale FIT chiedono al Collegio di Garanza dello Sport, in accoglimento del presente ricorso, di annullare la Decisione n. 5/2020 - resa dalla Corte Federale di Appello all’esito dell’udienza telematica dell’1 luglio 2020, Proc. n. 62/2019, pubblicata in data 9 luglio 2020 - con conseguente affermazione della responsabilità del sig. Valerio Moretti in ordine alle violazioni contestate, così come disposto dal Tribunale Federale con la Decisione n. 2/2020. 

 

In via subordinata, si chiede l’annullamento della decisone impugnata con rinvio alla Corte di Appello Federale, in diversa composizione, per un nuovo giudizio.