Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Malagò3Il 278° Consiglio Nazionale del CONI si è riunito oggi, presso il Foro Italico, per discutere il seguente ordine del giorno:

1) Approvazione verbale del 5 agosto: approvato all’unanimità.

 

2) Comunicazioni del Presidente: Malagò ha aperto i lavori informando il Consiglio dei contenuti dell'odierna videconferenza intercorsa con il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, e con il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, alla presenza di alcuni rappresentanti del mondo sportivo e di quello industriale collegato al movimento, per affrontare il tema relativo agli effetti del DPCM approvato nella giornata di domenica.

 

Il Presidente ha manifestato le preoccupazioni del sistema per lo scenario che si è determinato in base alle misure stabilite e il rammarico in funzione delle modalità adottate per introdurle.

 

Successivamente - alla luce delle novità emerse recentemente - sono stati approfonditi gli sviluppi dell'iter legato alla bozza dei decreti attuativi della legge delega per il riordino dell’ordinamento sportivo. Malagò ha ricordato la situazione vigente e informato il consesso di un ulteriore missiva indirizzata dal CIO direttamente al Presidente del Consiglio, Conte, per sollecitare una risposta del Governo sulla situazione afferente all’autonomia del CONI in base all’attuale impianto normativo italiano, rispetto ai princìpi enucleati dalla Carta Olimpica.

 

A tal proposito è stata letta l’ultima versione del documento - contenente le modifiche convenute e suggerite dallo stesso Consiglio - chiamato a rappresentare le istanze collettive del movimento in relazione alla bozza in oggetto, attraverso un’interlocuzione con il Premier. Il testo, già approvato nel precedente Consiglio, è stato votato dai partecipanti, con l’astensione dei 5 rappresentanti degli Enti di Promozione.

 

Il Presidente ha inoltre condiviso le proprie riflessioni sul tema dei contributi e delle dinamiche legate all’attribuzione delle risorse agli organismi sportivi, illustrando nel merito il contenuto dell’apposita delibera portata all’attenzione del Consiglio.

 

Sono stati infine ricordati i personaggi del mondo sportivo scomparsi nell’ultimo mese ed evidenziati contestualmente i principali risultati di rilievo conseguiti dagli azzurri nello stesso periodo.

 

Sulle comunicazioni del Presidente e su altri temi di carattere generale sono intervenuti: Giovanni Petrucci (Pallacanestro), Sabatino Aracu (Sport Rotellistici), Alfio Giomi (Atletica Leggera), Franco Chimenti (Golf), Ugo Claudio Matteoli (Pesca Sportiva e Attività Subacquee), Luciano Rossi (Tiro a Volo), Marco Giunio De Sanctis (Bocce), Luciano Buonfiglio (Canoa e Kayak), Marco Di Paola (Sport Equestri), Andrea Gios (Sport del Ghiaccio), Giorgio Scarso (Scherma), Bruno Cattaneo (Pallavolo), Vincenzo Manco (Rappresentante Enti di Promozione), Maurizio Casasco (Medici Sportivi), Michele Maffei (Rappresentante Associazioni Benemerite).

 

3) Attività FSN-DSA-EPS: Il Consiglio ha deliberato all'unanimità che, visto l’art. 4-ter della legge 145/2018, i seguenti indirizzi generali in materia sportiva adottati dal CONI in armonia con i principi dell’ordinamento internazionale siano trasmessi alla società Sport e Salute spa per i successivi adempimenti di legge: garantire un’equa ripartizione delle risorse tra tutti gli organismi sportivi (FSN, DSA, EPS, AB) che attraverso la determinazione preventiva di criteri certi e trasparenti sia commisurata al valore sportivo espresso, alla consolidata situazione economica storica e che tenga in adeguata considerazione gli impegni agonistici del 2021, anche alla luce del quadro epidemiologico e del mutato contesto economico.

È stata approvata all’unanimità anche la delibera con la proposta di modifica dell’art. 12 bis e 12 ter dello Statuto del CONI e dell’art. 6, comma 2, del Regolamento sul funzionamento e l’organizzazione del Registro Unico dei Giudici dello Sport.

 

4) Affari Amministrativi-Bilancio: Approvata all’unanimità la prima rimodulazione del budget 2020, che chiude con un risultato economico di sostanziale pareggio (0,05 €/mil.) e viene predisposta per riflettere, rispetto al budget iniziale, le variazioni legate allo spostamento dei giochi olimpici dal 2020 al 2021, l'assegnazione al CONI del contributo statale PREU (€/mil. 5,9), l'assestamento del valore dei servizi resi da sport e salute, l'assegnazione dei contributi alle asd da parte dei comitati territoriali coni per fronteggiare le esigenze derivanti dall'attuale situazione epidemiologica da Covid-19.

Il Consiglio ha quindi approvato all’unanimità anche il budget 2021 che riflette, nei suoi elementi principali, gli stanziamenti per i Giochi Olimpici di Tokyo, i contributi statali di €/mil.  40, oltre il preu (€/mil. 5,9), il valore dei servizi da ricevere da Sport e Salute Spa per €/mil. 36,3. Il risultato economico finale è uno sbilancio di €/mil. 9,5 interamente coperto dalla riserva di patrimonio netto dedicata e costituita ad hoc in sede di chiusura del bilancio consuntivo 2019.

 

Il Consiglio, non avendo altro da deliberare, ha chiuso i lavori alle 17.25.