Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Arianna Fontana mondiali2021Sei medaglie è il bilancio degli azzurri ai Campionati Mondiali di Short Track che si sono conclusi a Dordrecht (Olanda). Ieri L’argento e il bronzo di Arianna Fontana e Pietro Sighel, nelle rispettive gare dei 500 metri, oggi altri quattro podi.

 

Il primo bronzo di giornata arriva da Pietro Sighel, che dopo l’exploit di ieri si ripete anche sui 1000 firmando prima il primato personale nei quarti di finale con il tempo di 1’24″554 e poi mettendo in mostra una progressione che gli vale il podio alle spalle dei fratelli ungheresi Liu. Per il 21ene trentino è il Mondiale della consacrazione: il settimo posto nella classifica overall, al netto delle singole medaglie, certifica un talento innegabile.

 

Poi, al femminile è la volta della campionessa senza tempo. Arianna Fontana, quinta nei 1000 metri, centra il podio overall conquistando un bronzo nella classifica generale a quota 39 punti dietro all’onnipotente Schulting (136) e alla canadese Sarault (58). Una medaglia overall che mancava alla Freccia Bionda dall’edizione di Mosca 2015.

 

Ma l’Italia, al di là delle distanze individuali, ha trovato gloria anche nelle staffette: Arianna Fontana, Cynthia Mascitto (Skating Club Courmayeur), Arianna Sighel (Fiamme Oro), Arianna Valcepina (Fiamme Gialle) e Martina Valcepina (Fiamme Gialle) si mettono al collo un bronzo che mancava alla Nazionale femminile da sei anni. In Finale A il quartetto azzurro non ha mollato nonostante una caduta di Fontana nelle prime battute ed ha così approfittato poi della scivolata anche delle russe per conquistare uno splendido bronzo.

 

Bronzo bissato poco dopo anche dagli azzurri. Nella Finale A maschile Tommaso Dotti (Fiamme Oro), Yuri Confortola (C.S. Carabinieri), Pietro Sighel (Fiamme Gialle) e Luca Spechenhauser (Carabinieri) si sono visti attribuire la medaglia a causa della penalizzazione comminata alla Russia che aveva ostacolato i nostri in fase di cambio.

.