Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Il TNAS comunica che si è svolta oggi la seconda udienza della controversia F. Cicogna e E. Costi per A.C. / FIPAV e altra, alla presenza, anche, dei genitori dell’atleta minore. Le parti, su richiesta del Collegio arbitrale, hanno discusso in merito all’eccezione formulata dalla difesa di parte istante circa l’improcedibilità della costituzione in giudizio della Polisportiva San Mariano, per presunto omesso versamento dei diritti amministrativi. Dopo camera di consiglio il Collegio arbitrale, sentito il Segretario del Tribunale, ha ritenuto non fondata l’eccezione in quanto: -  in punto di fatto è risultato che, a seguito di approfonditi controlli contabili, la società Polisportiva San Mariano ha provveduto regolarmente al versamento dei diritti amministrativi all’atto della costituzione in giudizio: pertanto l’invito rivolto alla predetta società nella prima udienza, di provvedere a tale versamento, deve ritenersi privo di efficacia; dal combinato disposto dell’art. 26, comma 6 e dell’art. 32, comma 2, lett. a) del Codice, si è evinto che la sanzione di improcedibilità prevista dall’art. 26 si riferisce esclusivamente al versamento dei diritti amministrativi previsti per la presentazione dell’istanza di arbitrato ovvero della costituzione in giudizio ovvero dell’atto di intervento e non già al versamento dell’integrazione dei diritti amministrativi previsti dalla Tabella dei diritti, onorari e spese in caso di mancata conciliazione. Il Collegio arbitrale ha, quindi, ammesso la società Polisportiva San Mariano al prosieguo del giudizio, invitando le parti inadempienti al versamento dell’integrazione dei diritti amministrativi e tutte le parti alla discussione sul merito. Sentite le parti discutere il merito nel rispetto del principio del contraddittorio e dichiararsi soddisfatte dello svolgimento del procedimento arbitrale, il Collegio arbitrale si è riservato la decisione.