Il TNA squalifica Micol Di Segni (FIWUK-FIGMMA) per 5 mesi, Francesco Savogin (ACSI) per 2 anni e 6 mesi e Franco Cipolla (USACLI) per 18 mesi

Antidoping

Il Tribunale Nazionale Antidoping - Prima Sezione, nel procedimento disciplinare a carico di Nicola Roggiolani (soggetto non tesserato per l’ordinamento sportivo) visti gli artt. 2.1 e 4.4 delle previgenti Norme Sportive Antidoping gli ha inflitto due mesi di inibizione, a decorrere dal 14 ottobre 2014 e con scadenza al 13 dicembre 2014. Ha disposto inoltre ai sensi dell’art. 10.8 cod. WADA e dell’art. 4.8 delle NSA l’invalidazione dei risultati eventualmente conseguiti a decorrere dal 20 settembre 2014 e condannato l’atleta al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfetariamente in euro 378,00. Dispone che la presente decisione sia comunicata all’interessato, all’UPA, alla WADA, alle FSN, alle DSA e agli EPS.

 

Nel procedimento disciplinare a carico dell’atleta Micol Di Segni (tesserata FIWUK - FIGMMA) visti gli artt. 2.1, 4.4, 4.9.1 delle previgenti NSA le ha inflitto 5 mesi di squalifica, a decorrere dal  9 novembre 2014 e con scadenza al 8 aprile 2015 e disposto inoltre ai sensi dell’art. 10.8 cod. WADA e dell’art. 4.8 delle NSA l’invalidazione dei risultati eventualmente conseguiti a decorrere dal 9 novembre 2014. L'atleta è stata condannata altresì al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfetariamente in euro 378,00. Il TNA dispone che la presente decisione sia comunicata all’interessato, all’UPA, alla WADA, alla FIWUK, alla FIGMMA ed alla società di appartenenza.

 

Nel procedimento disciplinare a carico dell’atleta Franco Cipolla (tesserato USACLI) visti gli artt. 2.1, 4.5.2 e 4.9.1 delle previgenti NSA gli ha inflitto la squalifica per 18 mesi, a decorrere dal 5 ottobre 2014 con scadenza al 4 aprile 2016 e disposto inoltre ai sensi dell’art. 10.8 cod. WADA e dell’art. 4.8 delle NSA l’invalidazione dei risultati eventualmente conseguiti a decorrere dal 5 ottobre 2014 e condannato l’atleta al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfetariamente in euro 378,00. Dispone che la presente decisione sia comunicata all’interessato, all’UPA, alla WADA, all’USACLI ed alla società di appartenenza.

 

Nel procedimento disciplinare a carico dell’atleta Francesco Savogin (tesserato ACSI), infine visti gli artt. 2.1, 4.2, 4.6 e 4.9.1 delle previgenti NSA gli ha inflitto 2 anni e 6 mesi di squalifica, a decorrere dal 28 settembre 2014 con scadenza al 27 marzo 2017 e ha inflitto altresì all’atleta la sanzione economica accessoria quantificata in Euro 1.000,00, oltre a disporre inoltre ai sensi dell’art. 10.8 cod. WADA e dell’art. 4.8 delle NSA l’invalidazione dei risultati eventualmente conseguiti a decorrere dal 28 settembre 2014. Ha condannato infine l’atleta al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfetariamente in euro 378,00 e disposto che la presente decisione sia comunicata all’interessato, all’UPA, alla WADA, all’ ACSI ed alla società di appartenenza.