Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

CANOA-Antonio-Rossi primo piano

Giornata finale degli Europei velocità ricca di medaglie e qualificazioni olimpiche. All'Idroscalo di Milano tutte e tre le barche in corsa hanno ottenuto l'accesso ai Giochi di Pechino. L'Italia della canoa ha ottenuto così il record di presenze olimpiche con 14 atleti (7 uomini e 7 donne) nelle diverse specialità. 
Michele Zerial ha compiuto il colpo grosso conquistando la medaglia d’argento (1:44.638) e la qualificazione olimpica nel K1 500. L’azzurro è stato preceduto sul traguardo di poco dal danese Kasper Bleibach (1:44.598), terzo il russo Anton Ryakhov (1:45.275). 
La più difficile e più attesa era la qualificazione del K4. Antonio Rossi, Franco Benedini, Alberto Ricchetti e Luca Piemonte non hanno deluso le attese riuscendo a conquistare la medaglia di bronzo che vale il pass olimpico, per Rossi rappresenta la sua quinta partecipazione. Gli azzurri sono stati preceduti da Slovacchia (3:02.876) e Germania (3:04.284) riuscendo a chiudere con 3:4.532 davanti all’Ungheria. 

Anche il K2 500 metri ha ottenuto il passo olimpico grazie al 6° posto della coppia Andrea Facchin e Antonio Scaduto Scaduto. Gli azzurri che hanno chiuso con il tempo di 1:36.935 hanno saputo tenersi dietro Portogallo (8° posto) e Gran Bretagna (9° posto) riuscendo così a conquistare l’accesso ai Giochi. La gara è stata vinta dai tedeschi Roland Rauhe e Tim Wieskotter (1:33.432) davanti agli spagnoli Carlos Perez Rial, Saul Craviotto (1:33.925), terzi i lituani Alvydaz Duonella, Egidijus Bulcinas (1:35.222). 

In apertura di giornata Josefa Idem è ancora sul podio nel K1 500. L’olimpionica azzurra ha ottenuto la medaglia di bronzo con 1:57.035 alle spalle dell’ungherese Katalin Kovacs (1:56.195) e della tedesca Katrin Wagner Augustin (1:56.475).