Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

bettini e gli azzurri newsUfficializzata la composizione della squadra di ciclismo che domani prenderà parte alla gara su strada nella prima giornata dei Giochi olimpici. Il C.T. Paolo Bettini ha stabilito che la riserva sarà Matteo Trentin. I cinque azzurri in gara saranno quindi Sacha Modolo, Vincenzo Nibali, Luca Paolini, Marco Pinotti ed Elia Viviani.

 
“E’ sempre difficile fare delle scelte, soprattutto quando si tratta di atleti forti e motivati” spiega Paolo Bettini. “Matteo in questi mesi ha dimostrato grande serietà e professionalità. Indipendentemente da questa scelta il valore di Trentin è fuori discussione e continuerà a fare parte del progetto azzurro. Ci tenevo che fosse qui a Londra per fare un’esperienza importante con la nazionale e respirare il clima olimpico. Inoltre Matteo avrà un ruolo di riserva attiva; come ho già spiegato, in una gara lunga e difficile, dove tra l’altro non potremo utilizzare le radioline, lui potrà aiutarmi molto, i suoi occhi saranno i miei sul percorso. Poter contare su un atleta come lui a bordo strada sarà fondamentale per comunicare con la squadra, cogliere sensazioni sui nostri e sugli avversari e cercare di interpretare al meglio la corsa.” 
 
“Mi dispiace perché un atleta ambisce sempre a correre e fare del proprio meglio” dice Matteo Trentin. “Comunque capisco le scelte del commissario tecnico e cercherò di trarre ugualmente il massimo da questa esperienza sia sotto il profilo umano che professionale. Quella che si vive alle Olimpiadi è un’atmosfera unica. Questa mattina al villaggio è stato tutto molto emozionante, mi sono trovato a contatto con i migliori atleti al mondo di tutte le discipline, tutti qui per dare il massimo e rappresentare con orgoglio il proprio paese. Ringrazio Paolo Bettini e la Federazione Ciclistica Italiana per la fiducia avuta in me e per avermi voluto portare qui a Londra. Il mio sogno olimpico non finisce qui, anzi ora che ho visto e capito davvero cosa rappresentano le Olimpiadi per un atleta, farò di tutto per essere presente tra quattro anni anche a quelle di Rio de Janeiro. Domani non correrò ma mi sento parte di questa squadra e come riserva darò lo stesso il mio contributo, cercando di rendermi utile al C.T. da bordo strada lungo il percorso.”
 
Dopo la prima notte trascorsa al villaggio olimpico oggi gli azzurri sono usciti in allenamento sul circuito di gara.
“Dopo il lavoro svolto negli ultimi due giorni in Italia  prima della partenza, come previsto questa mattina tutti i ragazzi hanno pedalato sul percorso di gara" dice Bettini. "Ho pedalato assieme a loro, complessivamente abbiamo effettuato due giri del circuito. E’ andato tutto bene, il percorso è quello sul quale abbiamo corso lo scorso anno nel test event, chiaramente domani cambierà la distanza. E’ un circuito veloce con però la salita di Box Hill che può movimentare la corsa. Bisognerà vedere quanto questa salita potrà incidere sull’andamento della gara e soprattutto quanto saranno bravi a tenere chiusa la corsa le squadre che hanno interesse a farlo. Noi certamente dovremo essere pronti a cogliere e sfruttare tutte le occasioni che si presenteranno”.