Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

pittingmt_buonaCombinata Nordica: Alessandro Pittin ha compiuto una impresa storica con il suo terzo posto (24:59.9). Il suo bronzo è infatti la prima medaglia italiana in questa disciplina ai Giochi Olimpici e la prima a Vancouver.  Pittin, che compiuto 20 anni l'11 febbraio, è il terzo più giovane atleta a vincere una medaglia olimpica in combinata nordica. Bravissimo nella gara di fondo condotta insieme al gruppo dei migliori che andava in rimonta sul finlandese Ryynaenen primo dopo il salto. Dopo il passaggio ad un quarto di gara Pittin è rimasto dentro il gruppo di testa fino all'ultimo chilometro dove si è lanciato insieme al francese Lamy Chappuis, che ha vinto la gara, davanti allo statunitense Spillane.

''E' per noi il successo di un investimento nel quale abbiamo sempre creduto". Il presidente del Coni, Giovanni Petrucci, ha commentato così il risultato storico ottenuto da Alessandro Pittin nella combinata nordica ai Giochi.''Tanto è vero - aggiunge Petrucci - che a Torino Pittin l'abbiamo portato a gareggiare sedicenne. Quattro anni dopo ci ha ripagati alla grande''.

''Pittin dice che è un risultato incredibile? Per me no - afferma invece il capo delegazione azzurra, Raffaele Pagnozzi - e infatti lo avevo pronosticato una decina di giorni fa''. ''E' il piu' grande giorno dellamia vita''. Ha dichiarato Pittin dopo il traguardo ancora non ci crede, di aver conquistato la prima medaglia olimpica mai vinta dall'Italia nella combinata nordica. Non importa se è solo quella di bronzo. In una disciplina che figura ai Giochi invernali fin dalla prima edizione del 1924 a Chamonix.''E' incredbile - ha detto Pittin - solo all'ultimo metro ho capito che potevo entrare a medaglia, ma non sapevo se ero terzo o quarto. Sono felice, di più. Perchè non avevo mai nemmeno sperato in una medaglia. E' stato incredbile, ancora non riesco a crederci. E' bellissimo''. Dopo la prima gara di salto Pittin era 6° con 123,5 punti. L’azzurro dal trampolino NH ha raggiunto i 100 metri, ben oltre la misura raggiunta nel corso della stagione di Coppa del Mondo. Lukas Runngaldier, al termine delle due gare, si è classificato 16° (119 punti- 25:30.6), Giuseppe Michielli 33° (107 p.- 25:46.1), Armin Bauer 43° (91.5 p. 26:36.3).