Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Werner_Heel_azione_buonaSci Alpino: Werner Heel, Christof Innerhofer e Patrick Staudacher  hanno concluso  il SuperG nelle posizioni di alta classifica tutti ad un passo dal podio. Heel è stato il migliore e per una parte della gara ha occupato il terzo posto con 1’30”67 alle spalle degli statunitensi Bode MIller (1’30”62) e Andrew Weibrecht (1’30”65). Poi è sceso il norvegese Aksel Lund Svindal (1’30”34) e le speranze di podio sono finite.  Heel  è scivolato al quarto posto ma complessivamente tutti gli azzurri hanno disputato una grande gara. Innerhofer ha rischiato l’uscita a metà percorso ma si è mantenuto in pista con grande abilità ed ha chiuso al 6° posto (1’30”73) davanti a Patrick Staudacher 7° solo per un centesimo (1’30”74). Sfortunato  Peter Fill partito con il pettorale numero  quattro, primo degli azzurri, aveva collezionato un discreto vantaggio sullo statunitense Weibrecht ma ha urtato la terzultima porta e non ha potuto terminare la gara.

Sci di Fondo: Marianna Longa ha conquistato il 7° posto nella 15 km inseguimento precedendo  Arianna Follis che ha concluso al 9° posto.  Marianna si è tenuta tra le prime posizioni per tutto il tratto a Tecnica Classica (7,5km) al cambio di sci, a metà gara, il gruppo di testa, nel tratto a  tecnica libera, si è ristretto a cinque atlete con le norvegesi Bjoergen e Steira insieme alla svedese  Haag, alla polacca Kowalczyk  e alla finlandese Saarinen  mentre le due azzurre sono state staccate di qualche secondo. Sul traguardo è giunta per prima Marit Bjoergen (39’58”1), seconda Anna Haag (40’07”0). C’è stato bisogno del photo finish  per stabilire il terzo posto. L’ha spuntata la polacca Justyna Kowalczyk (40’07”04) per un centesimo sulla Steira.  Marianna Longa ha concluso la gara in 41’02”2 mentre Arianna Follis ha fatto registrare 41’21”6. Sedicesima si è classificata Silvia Rupil (42’ 02’’21) mentre Silvia Valbusa ha ottenuto il 18° tempo (42’19”4).

Pattinaggio di Figura: La coppia danza Federica Faiella e Massimo Scali hanno guadagnato la quinta posizione in classifica, dopo gli obbligatori, con 39.88 punti. I due azzurri hanno eseguito una buona prova sulla pista del Pacific Coliseum che li ha portato a ridosso delle prime posizioni. In testa c’è  la coppia russa  Domnina-Shabalin (43,76), seguono i canadesi Virtue – Moir (42,74), due coppie statunitensi Davis - White (41,47) e Belbin – Agosto (40,83). Luca Lanotte e Anna Cappellini occupano attualmente il 12° posto 33,13. Il 21 febbraio le coppie danza tornano in gara con il programma originale mentre il 22 febbraio l’ultima prova sarà il programma libero.

Salto: Sebastian Colloredo e Andrea Morassi disputeranno domani le gare del trampolino LH a Whistler Olympic Park dopo aver superato oggi le qualifiche. Colloredo ha totalizzato 125.2 punti con un salto di 131,5 metri posizionandosi al 18° posto. Morassi con 109.7 punti ha saltato 124,0 metri classificandosi 31°. Non ha superato il turno di qualificazione Roberto Dellasega che ha ottenuto 87.8 punti  con un salto di 113,5 metri.

Skeleton: Costanza Zanoletti ha concluso le due manche finali al 15° posto (14. dopo le prime due sessioni di gara disputate ieri). L’azzurra ha fatto registrare il tempo complessivo 3’41”80 a 6’16” dalla vincitrice l’inglese Amy Williams (3’35”64). Al secondo posto si è classificata la tedesca Kerstin Szymkowiak (3’36”20) che ha preceduto la connazionale Anja Huber (3’36”36).

Nicola Drocco ha concluso la terza manche al 26° posto con 2'45"34 ma non è riuscito a qualificarsi per l'ultima prova. La gara è stata vinta dal canadese Montgomery (3'29"79), secondo si è classificato il lettone Dakurs (3'29"80) davanti al russo Tretyakov (3'30"75).