Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Corte di Cassazionea cura di Chiara Iovino, Giulia Funghi

Art. 6 l. 401/1989

Il divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive (c.d. Daspo), di cui all’art. 6 l. 401/1989, nella parte in cui vieta l’accesso ai luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive calcistiche, ai luoghi interessati alla sosta, al transito o al trasporto da e verso i luoghi medesimi, non può ritenersi violato nell’ipotesi in cui il soggetto colpito dal divieto questorile partecipi ad una manifestazione inscenata da alcuni tifosi per le vie cittadine dopo la sospensione della partita che avrebbe dovuto disputarsi.

La manifestazione, infatti, non può intendersi come una fase di deflusso dall’impianto sportivo e, dunque, non può essere ricompresa nell’alveo applicativo del provvedimento del questore.

 

Scarica qui il testo del provvedimento in PDF