Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

Trofeo CONI - Generico

pagnozzi_grande_07.jpgSi è svolto oggi nel Salone d’Onore il Seminario Internazionale “La Donna Atleta”, organizzato dal CONI (Direzione Sport e Preparazione Olimpica, Istituto di Medicina e Scienza dello Sport e Scuola dello Sport). I lavori sono stati aperti dal Segretario Generale del CONI e Capo Delegazione Olimpica Italiana, Raffaele Pagnozzi, con una commovente commemorazione - accompagnata dal minuto di raccoglimento - in ricordo del CT della Nazionale di Nuoto, Alberto Castagnetti, scomparso ieri a Verona all'età di 66 anni. Pagnozzi ha successivamente presentato una dettagliata relazione sui numeri azzurri con una proiezione, in base ai risultati del 2009, che prevede il sorpasso delle donne sugli uomini in vista di Londra 2012. In particolare, analizzando i dati relativi ai Mondiali post-olimpici, con il quinto posto parziale dell’Italia (31 medaglie all’attivo con 13 ori) viene già sancita la leadership al femminile (8 ori contro i 5 maschili, 19 medaglie complessive contro le 12 degli uomini). Agli ultimi Giochi di Pechino la delegazione olimpica “rosa” ha raggiunto il 39% del totale numerico. Pagnozzi spiega: "L'obiettivo per Londra 2012 è di arrivare al 45%. Le donne potranno contare su una nuova disciplina, la boxe, con tre categorie di peso. Il trend in crescita della presenza femminile dimostra come il CONI non abbia creato discriminazioni tra uomo e donna, non solo nei premi, ma anche nel trattamento riservato agli atleti”. Successivamente c’è stato l’intervento sulla gestione del gruppo da parte di Massimo Barbolini, Direttore Tecnico della Nazionale Femminile di Pallavolo, recente vincitrice del Campionato d’Europa. “Non mi meravigliano i risultati positivi delle donne perché aumentando il numero delle praticanti è fisiologico un aumento dei successi”. Il Seminario è proseguito con un approfondimento, moderato da Marcello Faina (Direttore Dipartimento Scienza dello Sport del CONI) e da Novella Calligaris (Giornalista di Rai News 24), sul tema “Donne nello Sport e Movimento Olimpico”, a cura di Manuela Di Centa, Membro del CIO e della Giunta Nazionale del CONI. Sull’argomento sono intervenuti, in qualità di relatori, anche Ulrich Hartmann (Professore all’Università di Lipsia, Direttore dell’Istituto di Scienze Motorie e Scienza dell’Allenamento), che ha parlato degli aspetti biologici della donna atleta, Bruna Rossi (Docente di Psicologia dell’Università Joseph Fourier, Grenoble, e Docente alla Scuola dello Sport di Roma), che si è invece occupato del rapporto tra allenatore e atleta donna, e John Smith (Allenatore del Campione Olimpico Maurice Greene e della primatista Carmelita Jeter). La seconda parte del Seminario, moderata dai consulenti del CONI Antonio La Torre (Professore di Teoria e Metodologia dell’allenamento alla Facoltà di Scienze Motorie di Milano) e da Elio Locatelli (Direttore del Dipartimento Sviluppo FIDAL-IAAF) è stata invece incentrata sugli aspetti relativi alla preparazione atletica. In particolare Diana Bianchedi (Presidente Commissione Nazionale Atleti del CONI) ha parlato delle strategie e delle nuove linee di prevenzione degli infortuni al femminile per poi lasciare spazio a un’analisi sull’allenamento delle donne nelle discipline tecnico-coordinative, curata da Emanuela Maccarani, allenatrice della nazionale italiana di ginnastica ritmica. Chiusura con l’intervento di Shayne Bannan (Direttore tecnico della Squadra Nazionale di ciclismo Australiana) sugli aspetti legati all’endurance. Roma, 13 ottobre 2009 Vai alla photogallery